cerca

L'ultimo conservatore sono io

Solo due scrittori su cento non sono progressisti. Ma io sono l'unico che si rifiuta di entrare in un negozio la domenica 

16 Marzo 2019 alle 06:00

L'ultimo conservatore sono io

(Foto Pixabay)

“Se prendiamo dieci scrittori, otto sono progressisti, due sono conservatori”. Nicola Lagioia falsa la statistica perché si vergogna di far parte di una maggioranza bulgara. In realtà per trovare due conservatori, di scrittori italiani viventi bisogna analizzarne almeno cento. Uno dei due ovviamente sono io. Secondo me il conservatore è colui che, immerso nell’universale follia, cerca di conservare la ragione. Ad esempio è colui che cerca di conservare la domenica, “giorno di grazia e di cessazione dal lavoro”, come lo definisce il Catechismo. Lagioia mi trovi l’altro scrittore che non entra in un negozio la domenica.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • daniele.velon

    16 Marzo 2019 - 20:08

    Neh insomma che Langone sia in effetti uno scrittore io ho forti dubbi. Direi piuttosto giornalista, o meglio ancora polemista. Le cui polemiche peraltro nessuno fila. Quindi il ragionamento sviluppato nell’articolo è viziato all’origine.

    Report

    Rispondi

Servizi