cerca

Il mantellone dei pecorari francesi

Ringrazio di vivere in un’epoca in cui per dimostrare anticonformismo basta e avanza il mio compatto tabarro grigio

18 Gennaio 2019 alle 06:00

Il mantellone dei pecorari francesi

Barbey d’Aurevilly

“Filosofia del sarto” di Louis Huart (Edizioni Suv) riporta alla Parigi di metà Ottocento, quando ci si vestiva molto meglio ma ci si curava molto peggio: l’autore morì a 52 anni di sifilide. Grazie a Huart scopro il rilievo anche economico dell’artigianato del tempo: in una città di ottocentomila abitanti le sartorie erano tremila e i sarti trentatremila. Grazie a Giuseppe Scaraffia, la cui prefazione è uno dei rari casi di prefazione che aggiunge davvero qualcosa, scopro la limousine, mantella dei pastori del Limosino e di altre regioni della Francia centrale. Lanosissima, ingombrantissima e di vistosissimo colore chiaro, la indossava a Parigi il gran dandy Barbey d’Aurevilly per dimostrare anticonformismo. Ringrazio di vivere in un’epoca in cui per dimostrare anticonformismo basta e avanza il mio compatto tabarro grigio, in confronto al mantellone dei pecorari francesi un esempio di minimalismo vestimentario.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • fabriziocelliforli

    18 Gennaio 2019 - 16:04

    Tabarro grigio, bicicletta elegante..ero a Parma per una sostituzione addì 30 dicembre 2018. Terminato il lavoro, ho gironzolato sciattamente rispetto a Lei , anch'io in biciclettina pieghevole (treno+ bici), per quella città tremendamente bella, dove (è per me un mistero insolubile) tutte le ragazze o donne sono in media belle di una bellezza risorgimentale, le italiane; le oriunde anche: parrebbero assai ben integrate. Credo di averLa incrociata intorno alle 20-20,30 nei pressi del semaforo nei pressidi quel ponte che ha le bandiere, parallelo verso est (credo) a quello analogo che porta in centro città attraverso le mura e non lontano, mi pare, dalla Stazione Ferroviaria: mi ha lanciato un'occhiata "squadratòria" che sembrava mostrar di non condividere un atomo di ciò che portavo indosso e in effetti avevo: giacca a vento nera 3/4 aperta in quanto sprovvista di zip funzionante, guanti in lana neri mozzati modello Capitano Ultimo, berretta nera simil-fez senza nappa modalità guappo.

    Report

    Rispondi

Servizi