LaPresse/AFP

Come la Chiesa finì

Camillo Langone

Le encicliche e il pamphlet di Aldo Maria Valli 

Se la Chiesa finisse (ma non finirà, perché “le porte degli inferi non prevarranno”), probabilmente finirebbe come immagina Aldo Maria Valli nel pamphlet distopico “Come la Chiesa finì” (Liberilibri). Ossia dissolvendosi nel mondo a forza di adeguamenti al mondo. Il bello o il brutto di questo libro è che il progressivo annullamento della peculiarità evangelica vi inizia con l’esortazione apostolica “Amoris laetitia”, testo relativista che il filosofo cattomanicheo Massimo Borghesi usa come clava assolutista: “E’ un documento che discrimina i campi: va accettato o rifiutato in toto”. Mentre Valli ne fa la miccia di una serie di documenti ecclesiastici sempre più autodistruttivi, dai titoli esilaranti: “Captatio benevolentiae”, “De gustibus”, “Delenda doctrina”, “Tabula rasa”… Se la Chiesa finisse (ma non finirà), finirebbe per colpa di un’enciclica (ecco perché le encicliche ormai mi rifiuto di leggerle).

Di più su questi argomenti:
  • Camillo Langone
  • Vive a Parma. Scrive sui giornali e pubblica libri: l'ultimo è "Eccellenti pittori. Gli artisti italiani di oggi da conoscere, ammirare e collezionare" (Marsilio).