cerca

“E ora il governo collabori con l’opposizione”. Parla Amato

“Il Quirinale del futuro? Sarà europeista. E quando arriverà l’appuntamento ci potrà essere spazio per le nuove generazioni”

Claudio Cerasa

Email:

cerasa@ilfoglio.it

30 Giugno 2020 alle 06:08

“E ora  il governo collabori con l’opposizione”. Parla Amato

Giuliano Amato (foto LaPresse)

Lo dice d’un fiato Giuliano Amato, ex presidente del Consiglio, attuale membro della Corte costituzionale, ma lo dice offrendo un messaggio importante. Incoraggiante. Persino ottimista. “Basta con questa ondata di pessimismo. Voglio provare, se mi consente, a essere ottimista e a ragionare sul futuro tentando di capire non cosa potrebbe andare per il verso sbagliato ma, al contrario, cosa potrebbe andare per il verso giusto”. E’ dura, presidente Amato, ma proviamo. “Potremmo iniziare dall’Europa, per esempio, e potremmo dire che...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Claudio Cerasa

Claudio Cerasa

Nasce a Palermo nel 1982, vive a Roma da parecchio tempo, lavora al Foglio dal 2005 e da gennaio 2015 è direttore. Ha scritto qualche libro (“Le catene della sinistra”, con Rizzoli, “Io non posso tacere”, con Einaudi, “Tra l’asino e il cane. Conversazione sull’Italia”, con Rizzoli, “La Presa di Roma”, con Rizzoli, e "Ho visto l'uomo nero", con Castelvecchi), è su Twitter. E’ interista, ma soprattutto palermitano. Va pazzo per i Green Day, gli Strokes, i Killers, i tortini al cioccolato e le ostriche ghiacciate. Due figli.

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • lupimor@gmail.com

    lupimor

    30 Giugno 2020 - 14:25

    Al direttore - Tutti gli entusiasti del pro Mes, si concentrano e esaltano l'apparente, diciamo pure. reale al momento, vantaggio finanziario del prestito dei 36 mld. Ma il nodo è politico. Sia da parte del governo, sia da parte dell'Europa. Per la politica nostra i sei miliardi in più, in dieci anni, per interessi, sono entità insignificante, per l'Europa, nessun altro paese l'ha richiesto, un disconoscimento politico della credibilità del suo sbandierato, nuovo, solidarismo. Al solito, vizio vecchio d'antico pelo, noi ci dividiamo in fazioni. Che monotonia.

    Report

    Rispondi

  • orlando

    30 Giugno 2020 - 11:59

    visto che vi fate finanziare dal governo-stato italiano con dei bei soldini oltre ai parlasmentari che altrettanto prendono i soldi dalle casse dello stato italiano, cioè a dire dalle ns tasche di cittadini che pagano le tasse, potreste anche far leggere il vs giornale che chissà in quanti lo leggeranno di carta...??!! invece di chiedere soldi per leggerlo ai noi contribuenti che vi permettiamo già con i soldi dati ai vs parlamentari di riferimento e a quelli del governo che vi finanziano con le leggi dell'editoria...?! non sarebbe male!!?? saluti

    Report

    Rispondi

  • Giovanni Attinà

    30 Giugno 2020 - 11:05

    Il problema dell'Italia, nonostante l'ottimismo di Giuliano Amato e anche de"Il Foglio", è quello di una nazione che vive di campagne elettorali perenni, con i sondaggi che dilagano. Sogniamo sempre gli Stati Uniti, dove, a parte l'era Trump, spesso per affrontare i problemi non si guarda al colore politico. Così succede che le opposizioni del cosiddetto centrodestra continuano con "il muro contro muro", con forze antieuropeiste come Lega e Fratelli d'Italia e europeiste, co0me Forza Italia. Quanto al governo, siamo alle solite: annunci e basta e i problemi non vengono risolti , con decreti legge convertiti in legge che per essere applicati occorrono quasi centro decreti attuativi. Così non si può andare avanti, nonostante l'ottimismo. Un'ultima considerazione: vengono annunciati aumenti in busta paga per decisioni adottati nell'autunno dello scorso anno, come se fossero stati decisi in questi giorni. Anche questo rientra in un modo scorretto d'informare.

    Report

    Rispondi

Servizi