cerca

La forza tremenda delle vacanze populiste

A prendere sul serio il mutamento antropologico della classe dirigente italiana ci si fa male. Le spiagge salviniane esprimono una dolorosa vocazione maggioritaria. E se lo scontro è tra vacanze populiste e vacanze intelligenti, bè, non c’è storia

6 Agosto 2019 alle 06:00

La forza tremenda delle vacanze populiste

Matteo Salvini (foto LaPresse)

Le vacanze del Trux a Milano Marittima hanno un solo vero difetto. Sono troppo lunghe. La stagione alta del Viminale sembra non finire mai, e minaccia di allungarsi ora nel sud sensibile elettoralmente. Il torso nudo vale come i calzini grigio topo e il doppiopetto di Aldo Moro a Terracina, come Togliatti e Nenni a Cogne e Pralognan, come De Gasperi alle bocce in Valsugana, come Gentiloni sul litorale laziale a Anzio, Berlusconi alla Certosa in versione anticipata superTrump, Prodi...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Giuliano Ferrara

Giuliano Ferrara

Ferrara, Giuliano. Nato a Roma il 7 gennaio del ’52 da genitori iscritti al partito comunista dal ’42, partigiani combattenti senza orgogli luciferini né retoriche combattentistiche. Famiglia di tradizioni liberali per parte di padre, il nonno Mario era un noto avvocato e pubblicista (editorialista del Mondo di Mario Pannunzio e del Corriere della Sera) che difese gli antifascisti davanti al Tribunale Speciale per la sicurezza dello Stato.

Leggi il curriculum dell'Elefantino scritto dall'Elefantino

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • verypeoplista

    verypeoplista

    06 Agosto 2019 - 17:05

    Immagino che Lei, leggendo, stia pensando: però quanto sono signorili e acculturati i miei lettori. O no? Quella foto con Moro in grisaglia e cravatta sulla spiaggia di Terracina, mi ha riportato indietro nel tempo: lì su quella spiaggia a Terracina, avevo 4 anni, vidi per la prima volta il mare, abitavamo a Roma allora, e ancora oggi ricordo quel momento e il lido tutto bianco (oggi non c'è più) disponeva solo di una fila da 10 ombrelloni nei giorni feriali:solo in pochi vestivamo alla marinara e quindi anche pochi gli adiposi: pochi di tutto. Oggi è diverso, per fortuna, andiamo quasi tutti al mare(anche sul monopattino a Paris)e spero che tutti quelli che vanno si divertano come vogliano; certo come leggo, se per sopravvivere o addirittura come cura della sopravvivenza si legge Tucidide e Plutarco beh che vita grama ; almeno un libro di De Crescenzo "Così parlò Bellavista" così tanto per dimenticare Serse (che non era il fratello di Fausto Coppi)

    Report

    Rispondi

    • Alby65

      Alby65

      06 Agosto 2019 - 20:08

      Vita grama certo ci sono libri e libri la prossima volta le consiglio oltre al romanzetto da ombrellone anche Novella 2000 che forse per lei è Limes.

      Report

      Rispondi

  • cesare battisti

    06 Agosto 2019 - 15:03

    Di quale mutazione antropologica delirate ...le masse sono sempre le stesse e voi ne fate parte! La differenza è che ora vi siete accorti dei risultati finali dell'egualitarismo che avete sostenuto in questi settant'anni e vi voltate con ribrezzo dall'altra parte per non vedere. Quello che da ignoranti quali siete non capite è che la "mutazione" altro non è che l'effetto dellla cultura di massa e voi ci siete perfettamente intrappolati. Riscoprite, ma non volete ammetterlo, la necessità delle differenze. Siete nel pieno della superstiziosa barbarie dell'egualitarismo, dell'indifferenziato e credete stupidamente di essere guidati dalla ragione, dalla cultura e disprezzate chi mostra segni di sottomissione a Dio.

    Report

    Rispondi

    • Alby65

      Alby65

      06 Agosto 2019 - 19:07

      Assolutamente delirante meglio la diversità che l’omologazione portatelo a casa Salvini così vi capite.Se sei felice del Salvinismo e dei grillini la mutazione verso l’inutile è compiuta senza tirare fuori l’antropologia culturale,diversi siamo ogni volta che cambia l’attore politico.

      Report

      Rispondi

  • Alby65

    Alby65

    06 Agosto 2019 - 12:12

    Cortese Dr.Ferrara oggi l’uomo di cultura si sente come Samuel Spielberg,nome fittizio di paragone, internato in qualche campo di concentramento mentre la cultura trash del nazionalsocialismo bruciava libri e internava intellettuali.Non mi stupisce se il Sig.Salvini avaro di Aristotele e delle buone maniere,si fa ritrarre a torso nudo con catena al collo da playboy italiano delle balere adriatiche,pago del selfismo estremo tra ragazzette in cerca di notorietà,questa è la società italiana oggi,rissosa,maleducata e violentemente incosciente.La continua “battaglia del grano dei consensi”portata avanti dal leader leghista è la vera sberla a pieno volto al caos zingarettiano che sbraita al pudore ma non riesce a convincere le molitudini birraiole estasiate dal modo di fare alla mano del ministro dell’Interno ritratte alle sue spalle.Meglio continuare a leggere come cura della sopravvivenza Tucidide,Plutarco sotto l’ombra leopardiana di un albero che perdessi tra l’adipe del re dei cafoni.

    Report

    Rispondi

    • Carlo A. Rossi

      06 Agosto 2019 - 16:04

      Leggendo commenti come questo, uno capisce immediatamente perché Salvini non solo vincerà, stravincerà. A parte che si critica l'eloquio di Salvini e poi si finisce a fare gli spiritosi sulla sua pancia è una caduta di stile, citare Leopardi, Tucidide e Plutarco non è che sollevi la pochezza del commento, per cui, chi vota Salvini è brutto, sporco e cattivo. Peraltro, forse, leggere Tucidide o Plutarco aiuterebbe a capire come mai personaggi come Salvini riescano a trionfare, benché non siano colti, intelligenti a prescindere.

      Report

      Rispondi

    • ancian99

      06 Agosto 2019 - 13:01

      Approvo quanto da Lei scritto. Non c'è altro modo di vedere la massa incolta, volgare e chiassosa che, fino a fine luglio, popolava le nostre città, e ora popola le spiagge affollate, senza mare, senza natura, senza gioia. Ciò che fa male è questa mutazione antropologica degli italiani che sono così barbari da amare ed esaltare la barbarie diffusa nel nostro paese dai capi-popolo nostrani.

      Report

      Rispondi

  • cesare battisti

    06 Agosto 2019 - 09:09

    Uno come Guelfo Guelfi ti sembra meno truce di Salvini?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

Servizi