cerca

Gli sgomberi che alimentano l’emergenza

Il caso Baobab: così la politica di Salvini contraddice le intenzioni di Salvini

13 Novembre 2018 alle 21:06

Gli sgomberi che alimentano l’emergenza

Roma, scatta lo sgombero del centro Baobab che ospita centinaia di migranti (foto LaPresse)

Volendoci sforzare, com’è doveroso, di non dubitare della buona fede del governo, bisogna dire che la guerra all’accoglienza a tutti i costi ha un evidente effetto collaterale: quello, cioè, di alimentare un’emergenza che pure si dice di voler risolvere. L’ultimo episodio di questa politica dello sgombero – sgombero selettivo, peraltro, visto che gli abusivi di CasaPound restano tranquillamente nella loro sede – è avvenuto martedì mattina al piazzale Maslax, a Roma, dov’è stato smantellato il presidio umanitario di Baobab che ospitava circa 140 migranti. Il tutto, a poche centinaia di metri dalla stazione Tiburtina: di fronte alla quale le nuove reclute di giovani romani della Lega, con metodi finora propri dei militanti di estrema destra, organizzano da settimane sit-in contro il presunto aumento dei casi di stupro legato alla presenza di stranieri che bivaccano nel quartiere.

 

Baobab da oltre due anni offre un rifugio ai migranti: lo fa in una condizione di degrado che una capitale europea non dovrebbe accettare, nel senso che dovrebbe invece cercare di istituzionalizzare, e regolarizzare, iniziative del genere. E invece Salvini, d’intesa con Virginia Raggi, opta per lo sgombero: rapido e brutale, forse anche in virtù di un’altra emergenza, quella legata ai primi cedimenti della Lega nei sondaggi.

 

Il risultato sarà forse la rimozione di tende e baracche dal piazzale Maslax ma anche, e sicuramente, la presenza di qualche decina di migranti in più in giro per le strade di Roma, a partire da oggi, visto che il Campidoglio fa fatica a trovare strutture dignitose e gli eventuali rimpatri non avverranno di certo nel giro di qualche giorno. E insomma Salvini, nel dichiarato tentativo di combattere l’emergenza migranti, rischia nei fatti di esacerbarla. Eterogenesi dei fini, a voler essere buoni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • lorenzo tocco

    lorenzo tocco

    14 Novembre 2018 - 12:12

    Mi pare che siano stati annunciati 27 sgomberi a Roma, vedremo se saranno eseguiti e se colpiranno anche Casa Pound. Certo il problema delle occupazioni illegali, che ledono il diritto dei proprietari cui tutti si dimenticano, non si è risolto col permissivismo adottato fino ad adesso. I sondaggi non c'entrano un fico. E' paradossale che chi cerca di dare un'impronta di legalità al problema dell'accoglienza sia accusato di peggiorare la situazione, cosa credo impossibile. Tutti, centri sociali, casa Pound e centri Baobab vari, devono rientrare nella legalità, per esempio affittando un luogo dove proseguire la loro attività, se essa è legale. E' il girare la testa dall'altra parte che nel corso degli anni ha portato a questo degrado

    Report

    Rispondi

  • niky lismo

    13 Novembre 2018 - 22:10

    Vergogna. Non c'è da dire altro: questo governo fa vergognare non del governo ma dell'Italia. Fascisti trattati con i guanti, disperati buttati in strada o in mare... Almeno ammettano che è proprio quel che intimamente desiderano: della morte dei pezzenti africani non è che non gliene frega niente (per usare il lessico che prediligono), bensì è proprio che gli fa piacere, ogni sporco negro defunto è un metro quadro di Italia più libero e pulito. Lo ammettano, così chiariscono le idee a se stessi e agli elettori, che magari li apprezzano pure di più

    Report

    Rispondi

    • Carlo A. Rossi

      14 Novembre 2018 - 11:11

      Umilmente mi permetto far notare alcuni punti. Si finisce sempre a parlare di "cosa siano diventati gli italiani": come se fossero giunti alieni ostili e in una notte, come ne "L'invasione degli ultracorpi", avessero sostituito una popolazione brava e buona (finché votava a sinistra, beninteso). Stesso discorso per gli americani, che se votano Trump sono dei barbari, se votano dem, sono elettori assennati. O i siciliani: mafiosi a voti alterni, quando vince la sinistra, la mafia è sconfitta, altrimenti, no, la Sicilia soccombe. Non è questione di "sporchi negri morti", nemmeno: non viene mai il pensiero che i grandi benefici dell'immigrazione, l'abbiano visti solo alcuni? Che lavora in ambienti universitari o di imprese internazionali, vedono questo. Ma gli italiani che ogni mattina devono "lottare" con mendicanti a volte importuni, o persone che prendono luoghi pubblici per orinatoi, forse proprio contenti non sono. Si dovrebbe aiutare meglio i profughi? Sì, ma non solo a parole.

      Report

      Rispondi

    • stearm

      14 Novembre 2018 - 09:09

      Però stiamo attenti a non rigirare la frittata. Questo governo rappresenta una maggioranza netta degli italiani. Nel caso specifico, credo che lo sgombero sia visto con favore da gran parte degli italiani. Non da me, non da te, visto che non risolve nulla. Dobbiamo vergognarci? Ma di chi? Del governo? O delle istanze che questo governo rappresenta? Perchè, secondo me, più che denigrare gli avversari politici, bisognerebbe interrogarsi su cosa siamo diventati in quanto 'popolo italiano'. Ovvero a come siamo arrivati così in basso. Altrimenti si entra nell'equivoco peggiore: ovvero che i Salvini e i Di Maio siano politici dotati di una visione per il futuro del Paese, mentre sono solo dei saltimbanchi. Grazie a loro, il marito della famosa casalinga di Voghera è finalmente diventato padrone del suo destino. E purtroppo anche del mio e del tu e dei nostri figli.

      Report

      Rispondi

      • Skybolt

        14 Novembre 2018 - 12:12

        Mio caro stearm, anche lasciare in piedi la tendopoli non risolveva nulla. Anzi aggravava la situazione. E' vero che uno si droga di eroina perchè ha dei problemi, ma allora dovremmo dare l'eroina a tutti per fare finta di risolvere i problemi? Perchè questo era Baobab e molte altre situazioni affini.

        Report

        Rispondi

Servizi