Via l'Ue dalla Costituzione. Ecco l'Italexit targata Meloni

Paolo Emilio Russo e Gianluca De Filio

La commissione Affari Costituzionali della Camera discute la proposta di Fratelli d'Italia per modificare gli articoli che regolano i rapporti tra Bruxelles e l'Italia. E cancellare qualsiasi riferimento all'Unione 

“Non esiste un piano B”, garantisce Luigi Di Maio. E da settimane importanti ministri e persino Matteo Salvini spiegano che l’Italia non ha “alcuna intenzione” di uscire dall’euro e dall’Unione europea. Il precedente della Brexit, peraltro, è un bel macigno: quasi un anno e mezzo dopo il referendum, ancora si tratta. Chissà se è veramente così, intanto in Parlamento è stata già depositata una proposta - semplice, di tre articoli - che prevede l’Italexit on the go: pronti, via.

 

 

Prima firmataria è Giorgia Meloni che, insieme agli altri componenti del gruppo di Fratelli d’Italia, ha depositato alla Camera la proposta di legge di riforma costituzionale a.c. 298. Come fare a uscire dall’Ue senza dover sottoporre il Paese e i suoi sherpa ad estenuanti trattative con l’Ue? Semplice, si cancellano con un tratto di penna i tre articoli della Costituzione che contengono riferimenti all’Ue. Lo scorso 11 ottobre la commissione Affari Costituzionali della Camera ha iniziato l'esame del testo che proseguirà questa settimana.

  

 

Via quelli, saremmo - secondo gli autori della proposta - automaticamente fuori dall’Ue. L’articolo 97 prevede che le pubbliche amministrazioni assicurino l’equilibrio dei bilanci e la sostenibilità del debito pubblico in coerenza con l’ordinamento dell’Ue? Via il riferimento. L’articolo 117 impone allo Stato di esercitare la sua potestà legislativa anche “nel rispetto dell’ordinamento comunitario e degli obblighi internazionali”? Cancellato il rispetto delle normative europee, ma pure dei trattati. Mannaia pure sull’articolo 119 per liberare Regioni e Comuni dai vincoli comunitari. Non è finita. L’ultimo articolo della proposta di legge si propone di modificare la legge che ha dato attuazione alla riforma dell’articolo 81 della Costituzione sul pareggio di bilancio, la 243/2012, in modo “che essa sia solo l’attuazione del 'nuovo' articolo 81, per com’è scritto, e non altro”.

“Nell’insieme - spiegano i firmatari -, su questa proposta di legge costituzionale si chiede un voto che non è contro l’Europa, ma è per la nostra dignità nazionale e per la nostra libertà. Ad essere lungimiranti e non miopi, sia l’azione in Europa del nostro Governo sia l’Europa stessa ne trarranno giovamento”. Chissà che il governo non abbia finalmente trovato il suo piano B.

Di più su questi argomenti: