cerca

Il cuore di Toninelli non basta. Nel decreto Genova sbagliato il nome del suo ministero

Il testo parla di “ministero delle Infrastrutture”, ma per la legge non esiste. La dicitura esatta è delle “Infrastrutture e Trasporti”. In Parlamento dovrà essere modificato 

9 Ottobre 2018 alle 15:58

Il cuore di Toninelli non basta. Nel decreto Genova sbagliato il nome del suo ministero

Anche nel caso ipotetico che tutte le forze politiche si trovassero d’accordo sul “decreto Genova” e volessero approvarlo senza cambiare nemmeno una virgola, questo non sarebbe possibile. A causa di due errori, infatti, il testo dovrà subire comunque almeno due modifiche.

La prima riguarda Danilo Toninelli che ha sbagliato a scrivere il nome del suo dicastero.

La dicitura esatta e legale del suo incarico è “Ministro delle infrastrutture e dei trasporti”. Peccato che, al comma 2 dell’articolo 1 (foto sotto), uno degli articoli più importanti sulla ricostruzione del ponte Morandi ci sia scritto “Ministro delle infrastrutture”.

 

 

Toninelli forse avrà pensato di risparmiare tempo e carta, ma il Ministro delle infrastrutture per la legge non esiste: lo è stato il solo Antonio Di Pietro ai tempi del governo Prodi II, quando il ministero fu spacchettato in quello delle Infrastrutture e in quello dei Trasporti che andò al ministro Alessandro Bianchi.

 

Un’ulteriore topica si trova all’articolo 12, quello che istituisce l’ANSFISA, la nuova agenzia nazionale delle ferrovie e delle infrastrutture stradali e autostradali. Quando si parla della nomina del suo direttore, si rinvia ad una norma, quella contenuta nell’articolo 41, comma 2, del decreto legge 286/2006, che però nel frattempo è stata abrogata.

Pensare che di tempo per rileggere ce n’era: tra l’approvazione in Consiglio dei ministri con la formula “salvo intese” e la pubblicazione del testo in Gazzetta Ufficiale sono trascorse due settimane.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi