cerca

Cosa c'è dietro al registro costruttivo del buonsenso di Salvini

Perché la spontaneità del ministro degli Interni con il Foglio è qualcosa su cui farsi delle domande, ma resta uno specchietto e noi non siamo allodole

7 Agosto 2018 alle 06:15

Cosa c'è dietro al registro costruttivo del buonsenso di Salvini

Foto LaPresse

Sedotto con infinita bravura da Annalisa Chirico, alla quale non per caso applico il nomignolo affettuoso di Chirichessa, manco fosse una mantide, il Truce, cioè Salvini, si è mostrato sabato “affabile” (autodefinizione sua) ai lettori del Foglio. Risultato: Truce nei fatti, suadente nelle forme. La sua chiave è semplice: spontaneità e buonsenso. Non ha mollato di un millimetro sulla chiusura dei porti e sulla caccia alle organizzazioni internazionali di soccorso, la sua battaglia feticcio di questi primi due mesi, e ha ribadito l’ostilità all’Europa di Bruxelles, Parigi, Berlino, l’affiancamento ai regimi di Visegrád che sulla condivisione dei pesi migratori adottano la tolleranza zero; ha sostenuto la reversibilità degli accordi di Schengen e di Maastricht sull’euro, “fatti per essere riscritti”, ma con il tono dell’uomo di stato che attua un progetto politico, reversibile anch’esso nelle sfumature, nel gradualismo, nel negoziato; ha lasciato che il suo putinismo palese e ostentatorio sembrasse solo strisciante, e quanto al succo democratico e liberale della definizione di società e di politica su scala mondiale si è detto convinto che stiamo dall’altra parte, concetto che risulta evanescente visto che dall’altra parte c’è oggi, se parliamo dell’America, un amichetto di Putin e aspirante strongman. Sapeva che i lettori di questo meraviglioso giornale, mai così efficace e vivo come in questi ultimi anni e mesi, non avrebbero perdonato i suoi “lo dico da papà”, le scalcinate teorie sulla “pacchia”, e in genere quella versione del “prima gli italiani” e del “padroni a casa nostra” che eccitano nelle adunate come un tempo gli “spezzeremo le reni alla Grecia”, e via col Duce, il Truce e il Buce (sono insulti queste definizioni, ma Salvini dovrebbe sapere che sono insulti letterari desunti da scritti di un Gran Lombardo, i più sapidi ma non i più volgari). 

 

Tutti amano piacere, e su tutte le scene, anche le più diverse, e tutti i politici amano lasciarsi aperte porte, anche quando chiudono i porti e praticano i respingimenti illegali contro l’immigrazione illegale, immaginandosi il depositum fidei della Nazione come vittima predestinata di ricchi e infidi alleati e magari di finanzieri di razza ebraica in sospetto di complotto (il ministro in Parlamento ha dato il suo contributo alla stupida e ambigua idea che Soros sia all’origine di un complotto contro la pura razza bovina made in Italy). Ma il trucco si vede, perché c’è. Metti l’efficace, lo spontaneo, il buonsensismo al posto dell’affastellamento ideologico, del mito che chiama all’azione brutale (con discreti risultati, orripilanti), metti in un cono di luce a tonalità diffusa l’oscura pulsione a una società chiusa, che fa leva sulla paura e su un’identità raffazzonata e facilista, ed ecco che pensi di avere risolto il problema. Ma ci vuol altro. Salvini il Truce non è il primo a fare della sicurezza e della protezione collettiva uno strumento di azione politica, ma è il primo a farlo dal Viminale, e insieme da leader di un progetto che sta in bilico tra l’affermazione personale la più sfrontata (che gli è parecchio cara), la carta dello svuotamento della destra popolare e matta berlusconiana e quella di un accordo di governo con un’accozzaglia senz’anima, a misura di legislatura, ma sempre reversibile, come fa capire. Per questo la sua esibita spontaneità è demagogia, la sua eredità popolana e leghista è diventata populismo nerastro e brodo di coltura dei peggiori istinti etnicisti e razzisti. Che poi cerchi di imporre a sé stesso anche il registro costruttivo del buonsenso efficace, senza che lo sfascismo e la rottura di fondo, e brutale e intollerante, si veda troppo, è qualcosa su cui farsi delle domande per valutare bene le cose e intensificare il contrasto, senza quartiere, evitando le note melodrammatiche dei tenori del bene assoluto (che palle). La sua intervista di sabato è uno specchietto rilucente piazzato nel punto giusto, e tempestivamente, ma pur sempre uno specchietto. E noi siamo volatili, ma non siamo allodole. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • lupimor@gmail.com

    lupimor

    07 Agosto 2018 - 16:04

    Caro Ferrara - La sua reazione è ovvia, comprensibile, rientra in Lei. Se potesse indicarmi un'epoca della storia dell'uomo senza specchietti per le allodole, gliene sarei grato. Io non ne ho trovato alcuno: dalla Bibbia in poi. Rimarrebbe da capire cosa abbia giocato di più, la qualità degli specchietti o quella delle allodole. Non vado oltre il pensare che, in sostanza, siano due elementi variabili ma complementari. La personalizzazione su Tizio, Caio o Sempronio rientra nella nostra necessaria, ineliminabile, tendenza ad ingannare noi stessi. Guai se scomparisse.

    Report

    Rispondi

  • gabriele.gab.monti

    07 Agosto 2018 - 13:01

    Salvini è un grande politico e lo dimostra il pezzo di Ferrara per ricompattare le truppe.

    Report

    Rispondi

  • guido.valota

    07 Agosto 2018 - 13:01

    Solo ieri sul Foglio c'era un colloquio strepitoso tra Mattia Ferraresi e Andrew Sullivan (http://bit.ly/2Mq6vcx). Potranno piacere o no, ma i giudizi di Sullivan sono lucidi. Quelli sull'immigrazione, di qua e di là dell'Atlantico, sono definitivi o comunque perfettamente adeguati allo stato attuale delle cose. Dopo una serie di premesse che consiglierei all'Orfini di oggi, sempre sul Foglio, Sullivan chiosa: 'In Europa ci sono invece identità e tradizioni secolari, e i fallimenti dei vari modelli di integrazione e gli esperimenti sul multiculturalismo sono sotto gli occhi di tutti'. Tranne quelli di chi non vuol vedere. Del resto anche da queste parti se ne parlava negli stessi termini prima che l'avvento del Truce costringesse perfino Il Foglio a tirare fuori bersaglio. L'assimilazione tra opposizione all'immigrazione selvaggia e razzismo anti negher è la classica forzatura capziosa, che fa incazzare e votare Lega anche gli insospettabili.

    Report

    Rispondi

  • Giovanni

    07 Agosto 2018 - 11:11

    Signori, prendersela con Salvini per come sta gestendo la questione migranti, almeno fino ad ora, è un atteggiamento perdente perchè Salvini sta facendo pressapoco quello che gli altri paesi europei stanno facendo da anni , tranne la Germania della Merkel che infatti sta pagando politicamente il "suo errore". Addirittura la Gran Bretagna sta uscendo dall'UE perchè non vuole essere costretta ad accogliere migranti di qualsiasi tipo, anche europei. Gli altri paesi bloccano le frontiere terrestri, Salvini blocca i porti. Punto. Non solo, Salvini ha sempre elogiato l'operato di Minniti dimostrando persino un tratto signorile che altri anche all'interno del PD non hanno avuto nei confronti dell'ex ministro. Inoltre la maggioranza degli italiani è assolutamente favorevole alle azioni di Salvini. In questo momento Salvini può essere attaccato solo per il suo sodalizio con il 5Stelle che francamente non c'entra niente con le idee della Lega e del centrodestra. Ed è questo che occorre fare.

    Report

    Rispondi

Servizi