cerca

Salvini, Di Maio, il dramma del contratto con la figura terza

Perché per non tradire i propri elettori gli unici presentabili sono gli incompetenti

Claudio Cerasa

Email:

cerasa@ilfoglio.it

16 Maggio 2018 alle 06:13

Salvini, Di Maio,  il dramma  del contratto con la figura terza

L'incontro tra parlamentari M5s e Lega Nord al Pirellone (foto LaPresse)

La disperata e comica ricerca di una figura terza che possa mettere magicamente d’accordo i vincitori del 4 marzo – e che possa permettere ai due gemelli diversi del populismo italiano di trovare un modo per rendere presentabili le proprie impresentabili idee, come raccontiamo a pagina tre nel primo editoriale – è forse il romanzo più spassoso di questa fase (speriamo) finale delle consultazioni politiche. Lo spasso deriva dal vedere i nemici del compromesso impegnati a trovare un forse impossibile compromesso. Deriva dal vedere i nemici del principio di realtà intrappolati nella bolla della propria propaganda. Deriva dal vedere le gustose contorsioni con cui Salvini prova a far dimenticare quello che fino a qualche settimana fa diceva di Luigi Di Maio – “è di una pochezza e di un’ignoranza difficilmente eguagliabili” – e con cui Di Maio prova a convincere i suoi elettori che allearsi con un partito coalizzato in tutto il paese con FI sia meno grave di allearsi con un partito che con FI aveva fatto un patto per riformare la Costituzione. Deriva da tutto questo, e come vedete neppure l’arrivo dei barbari ci toglierà il buon umore, ma deriva anche dalle due ragioni che stanno rendendo difficoltoso il tentativo di Salvini e Di Maio di trovare una figura terza capace di onorare sia la Costituzione materiale della Repubblica italiana sia la Costituzione non materiale della Repubblica dei populisti.

 

La Costituzione della Repubblica italiana ricorda che il primo ministro non può essere il primo scappato di casa ma deve essere qualcuno in grado di dirigere la politica generale del governo e di mantenere l’unità di indirizzo politico e amministrativo. Sul primo punto persino i populisti potrebbero trovare qualche volto presentabile pronto non a soffrire di fronte all’arrivo dei barbari, ma a offrirsi. E’ sul secondo punto però che nascono i problemi. E’ sul secondo punto che da settanta giorni e passa Salvini e Di Maio sono ostaggi della propria retorica.

 

Questione numero uno: come si fa a trovare un volto terzo presentabile quando da anni, senza neppure conoscere l’abc della nostra Costituzione, i populisti dicono che l’unico presidente del Consiglio non golpista sia quello eletto dal popolo, ovvero colui che si è presentato alle elezioni come candidato premier? Questione numero due: come si fa a trovare un volto che sia neutrale, e dunque terzo, quando da mesi i populisti ci ricordano che non esistono tecnici neutrali e che ogni figura terza ha sempre una sua connotazione politica? Questione numero tre e questione non sufficientemente esplorata: come si fa a individuare una figura terza, indipendente, neutrale, quando in nome della incosciente battaglia anti sistema è stata delegittimata ogni tipologia di riserva della Repubblica? E’ possibile puntare su un tecnico della Bocconi, o su un rettore, quando i populisti hanno trasformato il modello Monti in un modello nemico della democrazia? E’ possibile pescare dall’Europa, uno dei tanti e stimati tecnocrati italiani, quando i tecnocrati sono stati presentati ai propri elettori come il volto simbolo di una democrazia con le brache calate? E’ possibile puntare su un qualche manager che nella sua vita ha ricevuto una qualche buonuscita dal valore superiore a quello di un reddito di cittadinanza? E’ possibile puntare su un volto con un passato in Bankitalia quando i populisti di ogni tipo hanno contribuito a trasformare Bankitalia in una sorgente non di saggezza ma di destabilizzazione della democrazia? Resterebbe naturalmente la magistratura, ma poi Salvini come lo spiegherebbe agli elettori del Cav. di aver scelto un cocco di Davigo?

 

Resterebbe naturalmente un qualche ex membro della Corte costituzionale, ma poi Di Maio come lo spiegherebbe ai suoi elettori di aver scelto un costituzionalista non schierato contro il referendum Boschi e magari in passato intravisto a prendere un caffè con Giuliano Amato? Impossibile. Ogni profilo terzo, neutrale, tecnico, ogni profilo indipendente, sarebbe incompatibile con la costituzione non materiale della repubblica dei populisti. E ogni nome terzo, a meno che non sia politico e a meno che Maduro non accetti l’incarico, è destinato a cadere giù dalla sedia con la stessa grazia mostrata dal simpatico Sapelli. Tutto questo vale a meno che il nome terzo non abbia esperienza. A meno che il nome terzo, se mai ci sarà, non contenga l’unica caratteristica compatibile con la retorica vuota della impresentabile repubblica dei populisti: la totale, trasparente e onesta incompetenza. Auguri a tutti noi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • lupimor@gmail.com

    lupimor

    16 Maggio 2018 - 13:01

    Attualmente, i politici, l’informazione, i toni della comunicazione, hanno perso il vero significato delle parole, la loro successione logica, il loro obbligato concatenarsi. Tutto si dipana su parole suggestive, sul piano dell’emotività, dell’impressione, dell’impatto immediato. Caratteristiche proprie del linguaggio degli imbonitori. Se non abbiamo altro modo di interfacciarsi con gli elettori, siamo messi male. Vedi gli sviluppi dei due mesi che partoriscono il “contratto alla tedesca” e “riscriviamo la storia”.Il cerchio si chiude perché i destinatari dei messaggi sono abituati a non porsi mai il “come”, la soddisfazione dei loro bisogni e desideri, possano realizzarsi. La cifra culturale che ci portiamo tenacemente dietro è quella della divisioni in fazioni. Non abbiamo, anzi rifiutiamo di capire il valore essenziale del “viribus unitis” L’espressione, “i nostri elettori” è ostacolo al concetto di bene comune e a compromessi nobili e fecondi. Non può essere diversamente? Bah.

    Report

    Rispondi

  • lorenzo tocco

    lorenzo tocco

    16 Maggio 2018 - 12:12

    Come si fa ancora a sostenere che Lega e 5S siano "gemelli diversi"? Non sono neanche lontani parenti, e lo dimostrano tutte le difficoltà trovate nello stilare una sintesi dei 2 programmi, al 90% contrapposti e con dubbi a questo punto pure sull'euro. Per non parlare della scelta del premier: in Germania ci hanno messo 6 mesi di tempo ma il ruolo della Merkel non è mai stato in discussione. Qui si vuole mettere il carro davanti ai buoi posponendo sine die la scelta del premier e cercando di mettere insieme acqua e olio: un'amalgama non ne potrà mai venire fuori. Non ho tessere di partito, ma se nel mio paese vi sarà un gazebo leghista mi ci recherò per dire di no al programma, e anche al governo giallo-verde, che poi mi ricorda anche i colori della contrada senese del Bruco, a cui sono profondamente avverso tifando per la Giraffa, sua acerrima nemica. E' vero che non essendo di Siena non dovrei avere voce in capitolo, ma a me piace parteggiare a prescindere.

    Report

    Rispondi

Servizi