"La piovra del M5S"

Cosa direbbe Di Maio se non fosse Di Maio degli impresentabili messi in lista da Di Maio. Molte risate

Luciano Capone

Email:

capone@ilfoglio.it

"La piovra del M5S"

Luigi Di Maio, Beppe Grillo e Davide Casaleggio (foto LaPresse)

Roma. La disciplina sull’elettorato passivo prevede alcune limitazioni e definisce le cause di ineleggibilità e incandidabilità, ma da nessuna parte descrive la condizione di “impresentabilità”. Un candidato può essere incandidabile o ineleggibile, ma non “impresentabile”. L’idea secondo cui un indagato non dovrebbe candidarsi non è una legge dello stato, ma uno standard grillino. E per questo dovrebbe essere applicato prima al M5s. Quanti sono gli impresentabili nel partito di Casaleggio?    In questi giorni molti quotidiani, seguendo la pratica inaugurata...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi