La storia è una strage delle creature

Adriano Sofri

I bambini universali, con la faccia affondata nella sabbia di una spiaggia turca o nel fango di un fiume messicano

C’è un bambino, altre volte è una bambina, sempre lo stesso, la stessa. A volte è solo, altre volte con sua madre, con suo padre, e gli tiene un braccio minuscolo attorno al collo, come per proteggerlo. Ha una maglietta rossa, altre volte i calzoncini rossi. Ha la faccia affondata nella sabbia di una spiaggia turca o nel fango di un fiume messicano. Oppure dentro une rete di pescatori. E’ la bambina, il bambino che conferma ai vivi e vegeti di tempo in tempo, e per poco, il tempo di una fotografia contemplata con una mano sulla bocca, che la storia è una strage delle creature. Il bambino, la bambina universale non voleva su sé il peso del loro rimpianto. Non più di un uccellino migrante caduto esausto durante il volo.

Di più su questi argomenti: