cerca

Il ritorno di Angela Davis, rottame radical chic

Chi si ricorda di Angela Davis? Pantera Nera, Premio Lenin dell’Unione Sovietica, ricercata dall’Fbi, candidata comunista alla vicepresidenza, docente in California e molto altro ancora. Sufficiente perché il Museo di Brooklyn le comminasse il premio femminista.

8 Giugno 2016 alle 06:18

Il ritorno di Angela Davis, rottame radical chic

Chi si ricorda di Angela Davis? Pantera Nera, Premio Lenin dell’Unione Sovietica, ricercata dall’Fbi, candidata comunista alla vicepresidenza, docente in California e molto altro ancora. Sufficiente perché il Museo di Brooklyn le comminasse il premio femminista. A omaggiarla anche la signora delle signore Gloria Steinem, la moglie del sindaco di New York Bill de Blasio e Kathy Boudin, la terrorista dei Weather Underground condannata per omicidio nel 1981.

 

Lo spettacolo di Angela Davis al Museo di Brooklyn era ridicolo e spregevole. Angela Davis viaggia molto per il mondo in questi giorni. E’ venuta anche a Bologna, a protestare contro Angelo Panebianco, il guerrafondaio. E’ la stessa che ha sostenuto l’invasione sovietica della Cecoslovacchia e dell’Afghanistan e che oggi deride l’occidente capitalista. Il solito abisso tra la retorica rivoluzionaria rancida e la realtà borghese confortevole di questi avvizziti radical chic. Pasionarie in pantofole coccolate dalla civiltà che hanno cercato di distruggere.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi