cerca

Il gran ballo dei vivi

L’opera che ha celebrato la fine dell’Oscurantismo, cioè della pandemia, è nata alla Scala nel 1881. E ora è lì che “Excelsior” vorrebbe tornare

22 Giugno 2020 alle 11:40

Il gran ballo dei vivi

Il “ballo grande” della tradizione italiana, nella versione del 1967, con la regia di Filippo Crivelli e le coreografie di Ugo Dell’Ara, è andato in scena alla Scala nel 2002 (foto La Scala)

Fateci caso: non esiste città italiana di grandi, medie e anche piccole dimensioni che non vanti un suo hotel Excelsior. Possiamo collegare questa espressione latina che letteralmente significa “più in alto” e sottintende, per le strutture alberghiere, il massimo dell’eleganza e del buon gusto, all’“Azione Coreografica, Storica, Allegorica, Fantastica in 6 parti e 11 quadri” che Luigi Manzotti, coreografo patriota e umbertino, varò l’11 maggio 1881 al Teatro alla Scala con l’altisonante titolo di “Excelsior”? Probabilmente no. Eppure il termine...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi