Morte di un maestro del tè

Yasushi Inoue
Skira, 176 pp., 16 euro

Morte di un maestro del tè

Yasushi Inoue (1907-1991) noto al pubblico italiano soprattutto per l’inarrivabile “Il fucile da caccia” (Adelphi) torna all’attenzione dei lettori con questo romanzo storico, ambientato al termine del medioevo giapponese e animato da personaggi realmente esistiti. “Morte di un maestro del Tè” è un libro dall’atmosfera rarefatta e spirituale, scandito da ritmi lentissimi e dialoghi ossequiosi, nel quale il rito della preparazione e assunzione del tè risponde a un cerimoniale complesso e assume le caratteristiche di “una vera e propria forma d’arte”.


I fatti, narrati attraverso l’espediente del ritrovamento di un manoscritto, vedono protagonista Honkakubo, un umile monaco chiamato dalla vita a misurarsi con fatti, gesti e pensieri per lui smisurati e incomprensibili. “Il nulla non annienta nulla, la morte cancella tutto!”, gli aveva insegnato il maestro Rikyu, ponendolo davanti a quesiti che lo tormenteranno per tutta la vita. “Che cos’è che scompare con la morte? Qual è la cosa che solo la morte è in grado di cancellare per sempre? E’ un interrogativo troppo complesso per un povero monaco come me, una questione irrisolvibile anche se mi mettessi a riflettere per tutti i giorni che mi restano da vivere”. L’impianto del romanzo ruota intorno a due fatti all’apparenza inspiegabili: perché il signore Hideyoshi – capo militare fra i grandi unificatori del Giappone – ha ordinato al maestro, che lo aveva fedelmente servito, di darsi il suicidio? Ma soprattutto: perché lo stesso Rikyu si è ritirato in esilio e ha obbedito all’ordine, invece di chiedere la grazia, che facilmente gli sarebbe stata concessa, come era nel suo diritto?

Da quella tragica scelta passano gli anni, poi i decenni, ma il povero monaco non riesce a darsi pace. Incontra i nuovi cerimonieri del Tè, successori del suo maestro, rievoca grandi eventi e contempla porcellane finissime, ottenendo risposte indecifrabili e verità parziali, fino a una consapevolezza che gli è solo dato di sfiorare: “Se mi consentite di esprimere un’altra mia ipotesi, vorrei aggiungere che a mio avviso, durante i giorni dell’esilio, i ruoli del maestro Rikyu e del taiko Hideyoshi si invertirono…”. “Morte di un maestro del Tè” è una splendida metafora, tipica della letteratura orientale, del conflitto fra libertà spirituale e potere assoluto, del tormento fra vita interiore e accettazione della morte. “Essi scoprirono ciò che per il vero chjain è importante più di ogni altra cosa: preparare il tè in tutta calma e serenità, senza lasciare che altri pensieri intralcino la mente. Questo è un mondo dove io, Honkakubo, non potrò mai avere accesso”.

 

Morte di un maestro del Tè
Yasushi Inoue
Skira, 176 pp., 16 euro

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi