cerca

Di Maio ministro come il cavallo di Caligola. Saranno tre anni bellissimi

Le lettere al direttore Claudio Cerasa del 6 settembre 2019

6 Settembre 2019 alle 06:00

Di Maio ministro come il cavallo di Caligola. Saranno tre anni bellissimi

Luigi Di Maio (foto LaPresse)

Al direttore - Neanche l’autopsia basta perché per il Manette Daily il caso di Imane Fadil non è chiuso ma “quasi chiuso”. Insomma da quelle parti non hanno perso del tutto la speranza che regga il paragone con il caso di Giacomo Matteotti.

Frank Cimini

 

Al direttore - E’ vero: noi “votosubitisti” (copyright Giuliano Ferrara) rischiamo di diventare la parodia dell’ultimo dei giapponesi. Non abbiamo capito che la guerra è finita, e che questa volta le truppe romane di Giuseppe Conte hanno dato una sonora lezione alle tribù germaniche guidate da Matteo Salvini (la sconfitta inflitta a Publio Quintilio Varo da Arminio nella foresta di Teutoburgo è così vendicata). E’ vero: noi votosubitisti siamo anime belle, non abbiamo capito che la realpolitik è arte del compromesso che si può scomporre nella volubilità e nella furberia, e perfino corrompere nell’assenza di princìpi, nella slealtà verso la parola data, nel voltar gabbana, nel tradimento. Costi che si possono pagare pur di salvare l’Italia dall’aumento dell’Iva (qui viene da ridere) e, in primis, dalle grinfie rapaci di una Lega truce e parafascista. Per evitare la catastrofe della democrazia parlamentare, il Pd si è allora alleato con un non partito a base proprietaria e quindi geneticamente estraneo a ogni logica costituzionale. Ecco perché un votosubitista come chi scrive ha la sgradevole impressione che il “caminetto” di Largo del Nazareno, che ruota da un segretario all’altro sempre attorno alle stesse personalità, in realtà ambisca solo al presidio della postazione di governo, poco importa se conquistata con un forte consenso elettorale o dopo una disfatta alle urne. In ogni caso, primum vivere, deinde philosophari. Oggi un nuovo governo c’è, e siamo tutti felici. A Roma sono già scomparse le buche. Il tasso di trasformismo è aumentato, ma il tasso di odio diminuirà. L’Europa adesso ci vuole bene, e forse chiuderà un occhio di fronte ai programmi di spesa faraonici annunciati. Il paese sarà più verde e la sua economia più “circolare”. Ci saranno meno tasse per i lavoratori dipendenti e più lavoro per i giovani. Il ministro degli Esteri imparerà l’inglese e la geografia e il senatore Elio Lannutti apprenderà che “I Protocolli di Sion” sono un falso storico. Nel frattempo, nella coalizione arancione (mescolati, il giallo e il rosso danno questo colore) fioccano le idee geniali: il ministro dell’Istruzione, Lorenzo Fioramonti, suggerisce di tassare le merendine per rimpinguare lo stipendio degli insegnanti, mentre Loredana De Petris (Leu) propone corsi di educazione alla non violenza per i poliziotti. Sia chiaro, non sono ingenuo fino al punto di ignorare che politica e menzogna si piacciono. Ci si può però chiedere, e io mi chiedo, se nel tempo presente la dimensione della solitudine non sia l’unica risposta possibile a chi biasimi l’iniquità della menzogna. Per questo ho deciso di iscrivermi alla Congregazione degli Apòti, di coloro che la bevono, di prezzoliniana memoria. E mi lasci dire, come diceva l’illuminista tedesco Christian Woolf: “Sia lodato il cielo per la solitudine. Lasciatemi solo. Sia lodato il cielo per la solitudine che ha rimosso la pressione dell’occhio, la sollecitazione del corpo, e ogni bisogno di menzogne e di frasi”.

Michele Magno

Saranno tre anni bellissimi.

 

Al direttore - In una riflessione sulla decadenza delle élite si potrebbe paragonare Boris Johnson a Churchill. Ma a chi o a che cosa paragonare Di Maio, ministro degli Esteri nel risibile governo Conte 2? Al cavallo nominato senatore da Caligola? L’ipotesi che il presuntuoso e vacuo giovanotto di Pomigliano d’Arco guidi la nostra diplomazia e rappresenti il paese all’estero è terrificante. Non solo per la sua leggendaria ignoranza (Pinochet venezuelano…), l’inclinazione inarrestabile alle gaffe, l’inglese puerile e la totale incompetenza nelle questioni internazionali. Ma anche per la fama di goliardo irresponsabile, al pari del suo ex sodale Di Battista (l’abbraccio con il peggior gilet giallo a Parigi). Pensare che dossier come le migrazioni, la Libia, i conflitti in medio oriente, i rapporti con Russia e Usa ecc. finiscano nelle mani di Di Maio fa venire i brividi. Dovrebbero essere posti dei limiti alla sciocca furbizia dei grillini e al cinismo governativo del Pd. Così non è e quindi non resta che affidarsi a Dio.

Alessandro Dal Lago

Luigi Di Maio è una barzelletta vivente che ha conquistato undici milioni di voti alle elezioni del 4 marzo del 2018. Avere una barzelletta come vicepresidente del Consiglio, come ministro del lavoro, come ministro dello Sviluppo era un pericolo per il paese. Averlo come ministro degli Esteri può essere un pericolo per la Farnesina ma può essere anche un’opportunità per l’Italia: disinnescare l’estremismo del grillismo facendogli imparare un po’ di inglese, mettendolo sotto tutela della diplomazia italiana, affiancandogli qualche navigator affidabile e mettendolo davanti alla realtà. Se si osserva il suo curriculum, e la sua storia, Luigi Di Maio è forse il peggior sponsor che l’Italia potrebbe avere all’estero. Se si pensa però alla possibile, anche se difficile, traiettoria del grillismo, avere come ministro degli Esteri un populista che a forza di prendere schiaffi dalla realtà ripiega in un cassetto il suo estremismo potrebbe essere anche un’opportunità niente male per l’Italia: vedete, noi sappiamo come cambiarli, i barbari.

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • dongivu

    13 Settembre 2019 - 12:12

    Che la politica sia l'arte del compromesso è pacifico. Che la presunzione barbarica grillina sia educabile al pari dello snobismo di sinistra e non quella del truce è un'opinione rispettabile di Cerasa, che alla prova dei fatti chi avrà avuto ragione o torto non dovrebbe cavarsela con un semplice "mi sono sbagliato". O meglio: il lettore del Foglio che si è sbagliato sarà grato alla sapienza fogliante, ma il direttore del Foglio se prende una clamorosa cantonata che farà?

    Report

    Rispondi

  • maropadila

    06 Settembre 2019 - 18:06

    La risposta è troppo presuntuosa.

    Report

    Rispondi

  • maropadila

    06 Settembre 2019 - 18:06

    Grazie a Michele Magno. Fralaltro. proprio in questi giorni, mi era tornata in mente una frase ripetuta spesso da un mio zio monarchico-anarcoide, che rivendicava la sua appartenenza alla prezzoliniana Società degli Apoti, di cui spero di poter far parte.

    Report

    Rispondi

  • giosua

    06 Settembre 2019 - 13:01

    a Michele Magno. " BEATA SOLITUDO, SOLA BEATITUDO " Saluti G. Suardi

    Report

    Rispondi

Servizi