cerca

L’accademia di Bannon a Trisulti non si farà

La rassegna della stampa internazionale sui principali fatti che riguardano da vicino il nostro paese. Oggi articoli di Figaro, Spiegel e Guardian

11 Ottobre 2019 alle 08:51

L’accademia di Bannon a Trisulti non si farà

Steve Bannon (foto LaPresse)

L’accademia di Bannon a Trisulti non si farà

Amburgo, 11 ott - (Agenzia Nova) - Non verrà probabilmente mai inaugurata l'accademia per la formazione della destra ultraconservatrice che Steve Bannon, ideologo della “destra alternativa” statunitense e già consigliere del presidente degli Usa Donald Trump, intendeva istituire nella certosa di Trisulti presso Collepardo, in provincia di Frosinone. Come riferito dal settimanale tedesco “Der Spiegel”, il ministero per i Beni e le attività culturali e per il Turismo ha revocato all'istituto cattolico tradizionalista Dignitatis Humanae la licenza per i diritti di uso della certosa di Trisulti. Presieduto dal cittadino britannico Benjamin Harnwell, vicino agli ambienti tradizionalisti della Curia vaticana e a Bannon, nel 2018 l'istituto Dignitatis Humanae aveva ottenuto il monastero in affitto per 19 anni a 100 mila euro all'anno. L'accademia “per i difensori dell'Occidente giudeo-cristiano” progettata da Bannon e Harnwell avrebbe dovuto essere fondata in questo autunno a Roma per trasferirsi nella certosa di Trisulti nel 2020. Tuttavia, a conclusione di una procedura avviata a maggio scorso, il ministero per i Beni e le attività culturali e per il Turismo ha concluso che, “contrariamente a quanto affermato al momento della domanda”, l'istituto Dignitatis Humanae “non dispone delle condizioni necessarie” per prendere in affitto la certosa di Trisulti.

Continua a leggere l'articolo dello Spiegel

 

Il governo propone taglio prezzi alimenti venduti sfusi

Londra, 11 ott - (Agenzia Nova) - I consumatoti italiani potrebbero presto godere di sconti nell'acquisto di prodotti alimentari venduti sfusi. Lo riferisce il quotidiano britannico "The Guardian", spiegando come la misura sia parte di una serie di provvedimenti che il governo ha discusso ieri, 10 ottobre. L'idea è di offrire un incentivo ai consumatori riducendo il prezzo di prodotti alimentari e casalinghi venduti sfusi da appositi distributori. Verrebbero dunque eliminati imballaggio e i prodotti sarebbero raccolti in contenitori riutilizzabili che le persone dovrebbero portare con sé da casa. Il governo prevede, inoltre, l'offerta di biglietti stagionali per i mezzi di trasporto pubblici agli automobilisti che rinunciano a usare i propri veicoli, un pacchetto di 20 milioni di euro di bonus per l'acquisto di mezzi elettrici e ibridi, un piano di riforestazione urbana e una campagna di sensibilizzazione ecologica nelle scuole.

Continua a leggere l'articolo del Guardian

 

Tribunale di Palermo critica "seria negligenza" Procura in caso scambio di identità

Londra, 11 ott - (Agenzia Nova) - Il quotidiano britannico "The Guardian" ha sempre seguito con grande attenzione la vicenda di un cittadino eritreo processato in Italia in quanto ritenuto uno dei più ricercati trafficanti di esseri umani del mondo e che in realtà si è rivelato essere vittima di uno scambio di identità. Oggi, il "Guardian" pubblica le motivazioni della sentenza con cui, a luglio scorso, il Tribunale di Palermo ha assolto l'uomo, proprio perché non è colui a cui le polizie di tutto il mondo davano la caccia. Nelle oltre 400 pagine della sentenza, i giudici palermitani affermano che l'impianto accusatorio era "evidentemente inconsistente e inadeguato" e a loro volta accusano di "seria negligenza" gli inquirenti. L'arresto dell'uomo nel 2016 a Khartoum in Sudan era stato presentato dalle autorità giudiziarie di Italia e Regno Unito come un importante successo nella lotta globale contro il traffico di esseri umani. Sin dall'inizio, il "Guardian" aveva invece sostenuto l'innocenza dell'accusato, che ora è stata riconosciuta anche dal Tribunale di Palermo. A indurre le polizie italiana e britannica all'errore e allo scambio di identità furono i servizi segreti sudanesi, che con ogni probabilità erano complici del vero capo della rete criminale internazionale di trafficanti di esseri umani che continua a essere latitante.

Continua a leggere l'articolo del Guardian

 

Moda: direttore artistico Ermenegildo Zegna, per noi diversità non è marketing

Parigi, 11 ott - (Agenzia Nova) - Per Ermenegildo Zegna, azienda piemontese di abbigliamento maschile con più di 480 negozi in tutto il mondo, "la diversità non è marketing, ma un fatto”. Lo ha affermato in un’intervista rilasciata al quotidiano francese “Le Figaro”, Andrea Sartori, direttore artistico del marchio, parlando dell’ultima campagna pubblicitaria. "Vogliamo far avanzare il dialogo culturale e sociale sulla maschilità contemporanea. Con questa campagna pubblicitaria il nostro scopo è quello di suscitare discussioni e non di imporre nuove verità", ha detto Sartori. Il direttore artistico di Ermenegildo Zegna ha aggiunto: "Il pubblico si aspetta che i marchi si esprimano sui loro valori, che prendano posizioni su temi che agitano la società, le discriminazioni, il riscaldamento globale...". Per Sartori, queste tematiche sono "nel cuore" di Ermenegildo Zegna fin dalla creazione dell'azienda, nel 1910.

Continua a leggere l'articolo del Figaro

 

Putin potrebbe partecipare a cerimonia apertura Euro 2020 a Roma

Mosca, 11 ott - (Agenzia Nova) - Il presidente russo, Vladimir Putin, potrebbe partecipare alla cerimonia d’apertura dei campionati europei di calcio del 2020, prevista a Roma. “Farò del mio meglio per esserci”, ha detto Putin durante il forum "Russia: Sports Power”. In quest’occasione, il capo dello Stato russo ha incontrato il presidente dell’Uefa, Aleksander Ceferin, che lo ha invitato a Roma per la cerimonia d’apertura di Euro 2020.

Continua a leggere l'articolo di Russia Today

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi