Banana e Potassio? Adesso basta!

Mangiare questo frutto non risolverà il problema dei crampi e ci sono alimenti migliori per assumere questo elemento

18 Maggio 2018 alle 12:30

Banana e Potassio? Adesso basta!

"Voglio solo banane", Hamza Butt by Flickr

Con questa alternanza caldo/freddo, sole/pioggia si sa che una persona che si allena, tipicamente il runner o chi fa crossfit, diventa più soggetto a crampi, infatti le perdite di sali minerali o elettroliti aumentano dato il grande consumo di acqua (sudore). Allora scatta qualcosa: la necessità di BANANA! Lei sola può risolvere tutti i mali: prevenire i crampi, i dolori muscolari, il mal di testa, i cali di concentrazione e dicono pure l’unghia incarnita! E perché? Semplice…perché contiene POTASSIO. Il ragionamento è questo: CRAMPI = POTASSIO = BANANA.

 

Ragazzi…assolutamente no! Perché? Ve lo spiego in due passaggi.

 

1) Banana e Potassio.

100 g di banana contengono circa 350 mg di Potassio, vediamo qual è la percentuale su altri frutti freschi largamente diffusi (sempre su 100 g).


Albicocche: 320 mg

Melone: 333 mg

Ribes: 370 mg

Kiwi: 400 mg

Avocado: 450 mg

 

Degnissimi sostituti della banana, per quanto riguarda il potassio, e ricchi di altri sali minerali e vitamine (spesso più della banana). Ma ci sono altri alimenti che contengono potassio e non sono frutti, ve ne cito solo alcuni, anche questi facili da reperire.

 

Farina di frumento integrale: 337 mg

Cavolfiore: 350 mg

Spinaci surgelati: 354 mg

Noci: 368 mg

Indivia: 380 mg

Finocchi: 394 mg

Olive nere: 432 mg

Grano saraceno: 450 mg

Spinaci crudi: 530 mg

Pistacchi: 972 mg

 

Ma allora… perché vi ammazzate di banane? E’ ovviamente un frutto pratico e trasportabile, ma nessuno vi ha detto che dovete completare i vostri fabbisogni di potassio nello spuntino di metà pomeriggio!

 

Oltretutto le banane che consumiamo noi, strappate ACERBE dai loro alberi oltreoceano, avranno sicuramente meno nutrienti rispetto alla frutta fresca e di stagione proveniente dai nostri territori.

 


"Dolore di una vita intera sprecata a mangiare banane".


 

2) Potassio e crampi muscolari.

Innanzitutto il crampo può avere a che fare con i sali minerali, ma anche no! Però non complichiamo le cose e parliamo solo del caso della persona che si allena e perde molta acqua e di conseguenza elettroliti. Tra questi c’è il potassio, ma non è l’unico! Sodio, Calcio e Magnesio sono altri fondamentali sali minerali coinvolti nei meccanismi muscolari. Non basta rifornirsi di potassio a caso, ma bisogna rifornirsi di tutti quanti, nella giusta proporzione. Infatti ciascuno di essi deve rispettare una certa concentrazione e proporzione rispetto agli altri per svolgere al meglio il suo ruolo nella contrazione muscolare. Tutti sono fondamentali.

 

La profilassi, per evitare i crampi di questo tipo, è quella di avere un’alimentazione ricca, fresca e varia così da poter completare tutti i fabbisogni e ovviamente bere litrate d'acqua. E se mai aveste bisogno di prendere degli integratori rivolgetevi a chi ne sa qualcosa e vi può indirizzare su una scelta ponderata e sensata.

 

Cosa fare?

Basta con le banane? Ma no! Però dateci una frenata, ci sono miliardi di alternative spesso migliori. Consumate più spesso frutta di stagione e variate le scelte di tutti i giorni a tavola.

 

E poi...vedervi per strada, negli uffici e nelle palestre con ‘ste banane tra la mani (o in bocca) non è molto raffinato.


Buona mangiata a tutti.

Giacomo Astrua

Agonista di professione. Ho vissuto e vivo lo studio, lo sport e il lavoro come un agonista. Nato a Torino. Quarto di cinque figli. Sposato da un anno. Padre. Mi sono dedicato per tre anni alle malattie metaboliche per poi abbracciare del tutto la mia passione per lo sport lavorando come dietista sportivo per atleti olimpici, calciatori di massimo livello e per la FIAT Torino Auxilium.
In Cibo Veritas nasce per questa passione, questo agonismo per il mondo della nutrizione e per il cibo!
Buona mangiata a tutti.

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • carlo.trinchi

    19 Maggio 2018 - 10:10

    Vero. Articolo oltre che interessante istruttivo. Grazie continui, è meglio e più bravo di uno specialista del settore.

    Report

    Rispondi

Servizi