cerca

Fragole a novembre, arance d'estate. Ma cos'è questa frutta di stagione?

Pensi che la soia sgorghi dalle piante come resina, che il lime sia un limone ma non lo sanno scrivere e che le pesche siano un frutto invernale? Tranquillo, non sei il solo

26 Novembre 2017 alle 14:56

Fragole a novembre, arance d'estate. Ma cos'è questa frutta di stagione?

Foto di Massimo Pallotta via Flickr

Così per curiosità mi chiedevo quale fosse il tema alimentare più ricercato sul web. Immaginavo: proprietà afrodisiache del rafano, le bacche di goji sono ottime per segnare le caselle della tombola, le scimmie hanno tanti peli grazie all'olio di cocco. Invece mi sono imbattuto in qualcosa di tremendamente banale: la frutta di stagione. Mamma mia che due kiwi! Ero scandalizzato.

 

Ma un mio amico mi ha fatto notare che davvero non sappiamo più quale sia la frutta di stagione. Non sappiamo più quale sia la frutta esotica e quella nostrana. Non sappiamo cosa voglia dire “farina integrale”. Non sappiamo cosa sia la soia. Non sappiamo più a quale categoria alimentare appartengano i cibi sulle nostre tavole.

 

Siamo ormai totalmente scollegati dal mondo agronomo ed alimentare. Il cibo è un oggetto da supermercato, di differenti marche e modelli, che ormai compriamo per il brand o per le varie proprietà nutrizionali che gli appartengono, senza conoscere la sostanza che stiamo acquistando.

 

Questo mi motiva ancora di più a scrivere un blog sul cibo ma, sinceramente, era sabato e non avevo voglia di mettermi a scrivere un articolone nozionistico e discutere di scienze dell’alimentazione. Però mi sono venuti in mente gli episodi in cui, nella mia pratica clinica ambulatoriale, sono stato protagonista di orrori ed errori alimentari che mi hanno fatto sorridere, e anche piangere. Ve li servo.

 

Buona mangiata a tutti.

  

Mangi le arance, sono di stagione e contengono vitamina C. Certo dottore, infatti ogni giorno metto una fetta di arancio nel Martini.

 

Mangia frutta di stagione? Sì sì, io mangio tutto l’anno fragole.

 

Compra verdura di stagione? No, solo pomodori di Sorrento.

  

Mangia carne? No mai, mangio solo pollo.

 

Formaggi? No, li ho eliminati. Ora a cena mangio solo mozzarella o parmigiano.

  

Formaggi? No. Cosa ha mangiato a pranzo? 200 grammi di gorgonzola.

 

Quanto beve al giorno? 3 litri. Complimenti!… aspetti, 3 litri di cosa? Vino. E l’acqua? Ho smesso di berla a 15 anni (età attuale 73 anni).

  

Beve alcolici? Mai! Io bevo solo vino.

  

Mangia frutta? No solo banane. Ma è frutta! No, la banana è un vegetale.

  

Legumi? Sì, cavolfiore.

  

Legumi? Sì, farro e orzo.

  

Legumi? Sì, pasta integrale.

  

Verdura? Solo patate. Ma non è verdura. Ma neanche carne! (non ho saputo controbattere).

  

Non assuma bevande zuccherate che non vanno bene per il suo diabete. No dotto’, so diescianni che bevo la Scvemps, che intanto sta amara.

  

Se riesce mangi pane integrale. Segale va bene? No! Mi spiace ma sono sposato.

Giacomo Astrua

Agonista di professione. Ho vissuto e vivo lo studio, lo sport e il lavoro come un agonista. Nato a Torino. Quarto di cinque figli. Sposato da un anno. Padre. Mi sono dedicato per tre anni alle malattie metaboliche per poi abbracciare del tutto la mia passione per lo sport lavorando come dietista sportivo per atleti olimpici, calciatori di massimo livello e per la FIAT Torino Auxilium.
In Cibo Veritas nasce per questa passione, questo agonismo per il mondo della nutrizione e per il cibo!
Buona mangiata a tutti.

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi