cerca

Nelle mani di Miguel Angel Lopez

Lo scalatore colombiano sabato ha schiaffeggiato un tifoso che lo aveva fatto cadere. Ora l'Uci lo potrebbe squalificare. Perché le sberle del corridore dell'Astana dovrebbero essere quelle di noi tifosi

4 Giugno 2019 alle 13:18

Ce l'hanno insegnato sin dalla scuola materna: "Non alzare le mani!". Imperativo. Ce l'hanno ripetuto anche dopo: "Violenza chiama violenza". Avvertimento. Ce l'hanno detto anche a catechismo: "A chi ti percuote sulla guancia, porgi anche l’altra". Dal Vangelo secondo Matteo. C'hanno spiegato in televisione: "Uno sportivo deve essere un esempio di rettitudine". Parola di Nicolò Carosio. Il concetto è chiaro: "Nessun gesto violento può essere giustificato e giustificabile", firmato Juan Antonio Samaranch, presidente del Cio dal 1980 al 2001. È scritto pure nero su bianco: "Aggressione, intimidazione, abuso, minacce e comportamento sconveniente diretto contro un'altra persona (compresi gli spettatori), sono puniti con una multa da 500 a 2.000 franchi svizzeri, da 10 a 100 punti penalità Uci ed, eventualmente, con sospensione o squalifica". Regolamento dell'Union cycliste internationale.

 

Tutto chiaro, tutto per bene, tutto moralmente ed eticamente corretto. Per tutto questo Miguel Angel Lopez verrà sanzionato. Sicuramente pecuniariamente, sicuramente con una sottrazione di punti, probabilmente con una squalifica (da vedere se verrà anche escluso ex post dalla corsa). L'Uci sta analizzando il caso, sta valutando le attenuanti che, dicono a Aigle, "non ci sono", almeno per la parte più dura e intransigente della Commissione disciplinare.

 

Il comportamento da sanzionare è quello di sabato, ventesima tappa del Giro d'Italia: sulla salita di Monte Avena il colombiano della Astana aveva preso a schiaffi il tifoso che lo aveva disarcionato di sella facendolo cadere. La giuria della corsa rosa non aveva sanzionato lo scalatore, l'Uci pare di diverso avviso.

  

Pello Bilbao conquista il Monte Avena, Carapaz il Giro, Nibali è piacevolmente insensibile

Lo spagnolo vince la 20a tappa della corsa rosa. L'ecuadoriano, sempre in maglia rosa, e lo Squalo guadagnano su Roglic, ora quarto. Colonna sonora: Comfortably numb dei Pink Floyd

 

Il porgi l'altra guancia è un messaggio nobile. Il violenza chiama violenza è una tautologia meritevole di essere tenuta a mente. Il non alzare le mani un insegnamento sacrosanto. Eppure le mani di Miguel Angel Lopez erano le nostre mani: quelle di noi tifosi che vanno in bicicletta, che sanno cosa vuol dire soffrire su di una sella e soprattutto in salita, quelle di noi pedalatori della domenica per cui la bici è passione, un amore misterioso, non sempre facilmente comunicabile. Le mani di Miguel Angel Lopez potranno essere anche sanzionate e squalificate, ma non potranno essere nascoste. Perché sono quelle di chi va in bici ogni giorno, che subiscono i soprusi della strada, la violenza degli automobilisti disattenti.

 

Le mani di Miguel Angel Lopez dovrebbero anzi essere quelle di noi tifosi che ci affolliamo sulle salite, che battiamo le mani, che usiamo il buon senso accanto a ragazzi che su una bici faticano e lavorano. Perché se passa l'abominevole idea di chiudere le salite, di rendere le ascese dei luoghi chiusi, "aperti" soltanto a chi paga un biglietto, allora il ciclismo perderà la sua prerogativa principale, quella di essere uno sport di tutti. Perché se si criminalizzano i tifosi, se si fa coincidere il concetto di stolto con quello di appassionato di ciclismo, a rimetterci saremo tutti noi che pur di vedere uno spettacolo di qualche secondo restiamo ore sotto il sole o la pioggia, nel vento e nella neve. E questo sarebbe molto più doloroso di due schiaffi dati per frustrazione.

Giovanni Battistuzzi

Giovanni Battistuzzi

Al Foglio dal 2014. Nato il 5 gennaio, nel giorno più freddo del secolo scorso, lì dove la pianura incontra il Prosecco. Veneto. Ciclista urbano. Pantaniano. Milanista. Scrivo di sport, ciclismo soprattutto. In libreria trovate Girodiruota, che è il nome anche del mio blog

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • simoneparigi

    05 Giugno 2019 - 09:09

    Come tifoso mi unisco alle sberle di Lopez al cretino tifoso ubriaco!!!!!

    Report

    Rispondi

  • simoneparigi

    05 Giugno 2019 - 09:09

    Giovanni battistuzzi ma sei proprio convinto di quello che scrivi????? Ma hai visto quello che è successo ???? È stato fin poco quello che ha reagito vorrei proprio vederti professionista in bici dopo 5 ore al massimo e quasi all'arrivo con la possibilità di vincere e poi vieni fatto cadere da un ubriaco !!!! Comunque non sei aggiornato perché la corsa ha già detto che si tratta di una reazione umana comprensibile e giustificabile se così non fosse dico a Lopez che lo difendo in ogni stato e grado di qualsiasi giustizia dovesse provare a giudicarlo

    Report

    Rispondi

    • giovannibattistuzzi

      05 Giugno 2019 - 14:02

      Gentile Simone, mi sembra di aver scritto né più né meno quello che sostiene lei. La invito a rileggere l'articolo. Non ci sono da parte mia accuse a Miguel Angel Lopez, anzi. Non critico la reazione: avrei fatto lo stesso. E sono a conoscenza del non intervento della Giuria del Giro. È l'Uci infatti che ha avviato un'indagine che potrebbe sanzionare il colombiano. Il punto è comunque un altro: le sberle che ha dato Lopez sono quelle che dovremmo dare noi tifosi corretti a chi non ha il rispetto dei corridori e quindi del ciclismo. Il che non vuol dire vietare ai tifosi di riversarsi sulle salite (se ne sta parlando e lo considero un abominio), ma spingere la gente a usare il buon senso. Credo che la criminalizzazione del tifo sia un errore, come sarebbe un errore squalificare Lopez.

      Report

      Rispondi

  • Sunto

    05 Giugno 2019 - 07:07

    Se il tifoso fosse stato italiano sapremmo nome cognome indirizzo cosa fa nella vita ecc ecc ... Ci sarebbero stati tanti di quei servizi giornalistici ... E soprattutto Lopez non rischierebbe nulla !!!!!! Scommetto invece che è straniero !!!!!!!! E non la si butti sul razzismo per favore !!!!!!! È razzismo all’incontrario piuttosto !!! Avrei voluto vedere se una cosa del genere l avesse fatta un italiano al tour de france !!!!!!!!!! Poveri italiani e povero Lopez ......

    Report

    Rispondi

Servizi