cerca

Il 2020 è peggio del 2016. E i cyberattacchi sono sempre russi

Alcune intelligence occidentali hanno denunciato attacchi per violare segreti sui vaccini per il coronavirus. Protagonista Cozy Bear, unità molto sofisticata già coinvolta nell’hackeraggio del server del Democratic National Committee

18 Luglio 2020 alle 06:00

Il 2020 è peggio del 2016. E i cyberattacchi sono sempre russi

Foto Unsplash

È facile perdersi tra i nomi degli hacker che di continuo violano segreti nazionali, commerciali, personali (che sono gli unici che ci fanno saltare sulla sedia e invocare punizioni stellari), spesso sono codici o nomi in codice e in ogni caso sono fatti per essere dimenticati in fretta ché buona parte della sopravvivenza degli hacker è garantita dalla nostra distrazione. Ma non c’è bisogno di troppi sforzi di memoria: cambiano i nomi ma i cyberattacchi sono sempre russi. Anzi, a...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Paola Peduzzi

Paola Peduzzi

Scrive di politica estera, in particolare di politica europea, inglese e americana. Tiene sul Foglio una rubrica, “Cosmopolitics”, che è un esperimento: raccontare la geopolitica come se fosse una storia d'amore - corteggiamenti e separazioni, confessioni e segreti, guerra e pace. Di recente la storia d'amore di cui si è occupata con cadenza settimanale è quella con l'Europa, con la newsletter e la rubrica “EuPorn – Il lato sexy dell'Europa”. Sposata, ha due figli, Anita e Ferrante. @paolapeduzzi

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi