cerca

L’Iran copre un disastro aereo inutile

La scena dell’abbattimento ripulita in 48 ore invece che essere protetta. Il regime ha preso le scatole nere e ha detto che condurrà da solo le indagini

10 Gennaio 2020 alle 21:24

L’Iran copre un disastro aereo inutile

Foto LaPresse

Roma. In caso di disastro aereo è normale che l’area dove cadono i detriti sia circondata da un cordone di sicurezza per permettere alle squadre di investigatori di fare il loro lavoro. Ieri invece nei campi a sud-ovest di Teheran dove mercoledì prima dell’alba era precipitato il volo PS752 con a bordo 176 persone non c’era alcun cordone di sicurezza, anzi il contrario. L’area è stata ripulita nel giro di quarantott’ore anche con l’aiuto di un bulldozer che ha trascinato...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Daniele Raineri

Daniele Raineri

Di Genova. Nella redazione del Foglio mi occupo soprattutto delle notizie dall'estero. Sono stato corrispondente dal Cairo e da New York. Ho lavorato in Iraq, Siria e altri paesi. Ho studiato arabo in Yemen. Sono stato giornalista embedded con i soldati americani, con l'esercito iracheno, con i paracadutisti italiani e con i ribelli siriani durante la rivoluzione.

Segui la pagina Facebook

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • ayler

    11 Gennaio 2020 - 12:40

    E invece non è andata così.

    Report

    Rispondi

  • branzanti

    10 Gennaio 2020 - 22:31

    Una gestione così sconcertante della tragedia del volo PS 752 fa pensare ad un gravissimo errore di valutazione da parte della contraerea ed alla conseguente negazione della trasparenza, propria dei regimi totalitari (l'Iran lo è innegabilmente). Senza dietrologie fa però emergere anche un dubbio, che induce inevitabilmente a ripensare gli avvenimenti degli ultimi giorni, dall'uccisione di Soleimani alla rappresaglia indolore, un dubbio consistente nel totale sgretolamento della facciata di granitica unità del regime, che lascia trasparire una feroce guerra fra componenti interne, di potere piuttosto che nella frusta accezione fra riformisti (di cosa?) e conservatori, in cui si collocherebbe anche lo sviluppo di questo disastro. In fondo la notizia sugli spostamenti di Soleimani qualcuno l'avrà fornita e non è detto venga dall'Iraq.

    Report

    Rispondi

Servizi