cerca

Chi sono gli uomini scelti da Trump per bloccare l’inchiesta Russiagate

Ora che Sessions non c’è più, il presidente conta su due fedelissimi per domare il procuratore speciale Mueller. E la carovana? Sparita

9 Novembre 2018 alle 06:11

Chi sono gli uomini scelti da Trump per bloccare l’inchiesta Russiagate

Foto LaPresse

New York. Il presidente Donald Trump non ha lasciato passare nemmeno un minuto dopo avere perso il controllo della Camera alle elezioni di metà mandato e si è concentrato sul pericolo più grande, che non è la carovana dei migranti già misteriosamente sparita dai suoi tweet e dal canale Fox News ma l’inchiesta del procuratore speciale Robert Mueller sulla possibile collusione tra la sua campagna elettorale e il governo russo. Fonti della Cnn sostengono che Trump sta preparando le risposte scritte alle domande che gli ha inviato il procuratore. Un tempo si sentiva abbastanza sicuro per essere interrogato di persona, ma come ha scritto Bob Woodward nel suo ultimo libro il suo avvocato prima di abbandonarlo glielo sconsigliò perché avrebbe fatto “la figura del coglione” e c’era il rischio che si sarebbe autoincriminato. Le risposte scritte sono uno degli ultimi pezzi che mancano alla squadra di Mueller, che sempre secondo la Cnn è impegnata a stendere il rapporto finale. Questo spiega perché Trump due giorni fa ha cacciato a pedate il suo ministro della Giustizia, Jeff Sessions, che lui considerava troppo debole. Sessions aveva chiesto di poter restare fino a venerdì – cioè oggi – ma non gli è stato concesso. Ora che non c’è più, Trump può nominare un sostituto ad interim che per 210 giorni potrà agire come se fosse il ministro della Giustizia senza essere confermato dal Senato – e se serve potrà restare per un secondo mandato di altri 210 giorni.

 

Trump ha scelto di rimpiazzare Sessions con Matt Whitaker, un suo fedelissimo che è stato protagonista di una scalata rapida nei ranghi dei trumpiani di Washington. Il predecessore aveva deciso di ricusare se stesso dall’indagine – quindi di non occuparsene per non scatenare il sospetto di interferenze – ma Whitaker prenderà il suo posto proprio con l’intenzione di ostacolare il lavoro di Mueller.

 

E’ il mandato esplicito di Trump, che più volte su Twitter ha accusato Sessions di non fare nulla per fermare “la caccia alle streghe”. Ieri i media americani ricordavano quando Whitaker aveva detto a un compagno di viaggio sul volo che dall’Iowa lo portava a Washington che si stava spostando nella capitale con la speranza di farsi notare da Trump a furia di interviste televisive a suo favore. Nel luglio 2017 fu sentito come esperto legale dalla Cnn e disse che “per bloccare l’indagine un nuovo ministro della Giustizia al posto di Sessions potrebbe ridurre il budget a disposizione di Mueller così tanto da impedirgli effettivamente di andare avanti”. Il piano di Whitaker, che fu presto preso come capo dello staff alla Giustizia, ha funzionato. Il controllo dell’indagine intanto era passato a un vice del ministro, Rob Rosenstein, adesso finirà a lui.

 

Whitaker in passato aveva preso posizione contro Mueller in molte occasioni. Una volta ha detto che l’inchiesta dovrebbe essere limitata a certi settori e non esondare fino a toccare le finanze del presidente, un’altra ha detto che gli avvocati non dovrebbero collaborare con la “folla pronta al linciaggio di Mueller”. C’è anche un altro nome che circola, questa volta non come sostituto ad interim ma come ministro della Giustizia definitivo: Kris Kobach, un ultratrumpiano che ha appena perso l’elezione per il posto di senatore del Kansas contro la democratica Laura Kelly. Kobach è stato molto criticato perché come tema portante della sua campagna ha scelto l’allarmismo sull’immigrazione – in uno stato lontano da tutti i confini nazionali – e in passato si è coperto di ridicolo quando scelse di difendersi da solo per una denuncia in tribunale ma lo fece così male che il giudice lo condannò per oltraggio alla corte a sei ore di educazione civica obbligatoria. Whitaker o forse Kobach avranno un potere enorme sull’indagine del procuratore Mueller. Potrebbero decidere di tenere segreto il rapporto finale e anche se la Camera a maggioranza democratica potrebbe chiedere di vederlo non è chiaro chi prevarrebbe. Potrebbero bloccare giorno per giorno tutte le prossime decisioni di Mueller: chi mettere in stato d’accusa, chi interrogare, quali documenti ottenere. Hanno il potere di interferire su tutto, a cominciare dai fondi, come lo stesso Whitaker aveva previsto.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • branzanti

    09 Novembre 2018 - 22:10

    Sarebbe bene analizzare i rapporti che il padre di Trump intratteneva con chi contava negli anni dei suoi (discutibili) affari a New York- Il figlio probabilmente non è mai stato considerato da tali soggetti, per ragioni comprensibili, ma potrebbe avere almeno imparato come difendersi, attaccando, dalle indagini della giustizia.

    Report

    Rispondi

  • tamaramerisi@gmail.com

    tamaramerisi

    09 Novembre 2018 - 19:07

    Ho letto Woodward: spiega al di là di ogni ragionevole dubbio come Muller cerchi di fottere Trump. E come la lista di domande preparata dagli avvicati della Casa Bianca fosse non solo legittima (non dimentichiamo che il Presidente ha l'OBBLIGO di difendere anche il suo Ufficio!) ma anche il primo caso della storia di una disponibilità inconsueta, quasi esagerata, da parte del Presidente. Il quale farebbe la figura del "coglione" perché un interrogatorio la fa fare a chiunque. Soprattutto a un "candido", se quello è lo scopo! Muller sta servendo l'America a Rassia TV e agli Iraniani (non so nemmeno quanto a sua insaputa!?) sul piatto d'argento. L'inchiesta sembra sempre più una porcheria il che compromette e intralcia la politica estera dell'Amministrazione (una virata urgente da Obama). Muller sarebbe stato capace di fottere Churchill (nemmeno lui uno con cui sarei mai andata a cena, beone, puzzone e sgarbatissimo) e oggi parleremmo tedesco. Di che stiamo parlando?

    Report

    Rispondi

    • branzanti

      11 Novembre 2018 - 18:06

      Un candido Trump con la sua storia di truffe, evasioni fiscali e bancarotte? E paragonarlo a Churchill? Suvvia!!! Però sulla figura da co..... sono d'accordo.

      Report

      Rispondi

  • adebenedetti

    09 Novembre 2018 - 17:05

    Chi ha scelto Mueller? Chi ha chiesto di licenziare Comey? Se non sbaglio e` la stessa persoma che ha firmato la quarta richiesta al FISA per spiare Trump . Su quali documenti si basava la richiesta al FISA ? Perche` mai non si parla di questo. Lo vogliamo fare questo nome? Rosenstein che voleva spiare (registrazioni ecc.ecc.)il Presidente e poi applicare il 25esimo emendamento se non sbaglio. Di contro che la moglie di un suo collega parlo di Tucker Carlson e` stata aggredita in casa sua dai MOB Antifa/Nazi Forse perche` Tucker Carlson e` della Fox allora lei non ne parla. Maxine Waters docet.

    Report

    Rispondi

  • luigi.desa

    09 Novembre 2018 - 10:10

    Il Russiagate è un ora pronobis che sta andando avanti come un disco rotto. Vabbè sì ,è vero, Trump e Putin sono andati a merenda insieme,Come Salvini e di Maio. E allora? America Russia e Italia continuano a tirare avanti come prima.luigidesant

    Report

    Rispondi

Servizi