Il cambio di tono della Corea del nord mostra i limiti della strategia di Trump

Gli esperti di strategia nordcoreana dicono che Kim non vuole far saltare l’incontro, ma non può dare un segnale di debolezza

Mattia Ferraresi

Email:

ferraresi@ilfoglio.it

16 Maggio 2018 alle 19:08

Il cambio di tono della Corea del nord mostra i limiti della strategia di Trump

Donald Trump e Kim Jong-un (foto LaPresse)

New York. Un passo fondamentale di The Art of the Deal, il manuale del buon negoziatore di Donald Trump, mette in guardia: “La cosa peggiore che puoi fare in una trattativa è mostrare di volere disperatamente un accordo”. Un altro invece prescrive: “Devi sapere quando alzarti dal tavolo”. Mostrarsi più desiderosi dell’avversario di portare a casa un accordo e pervicacemente rimanere attaccati alla trattativa anche quando non ci sono le condizioni per un affare vantaggioso sono le due strade maestre...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi