cerca

Il trucco di Kim Jong-un

Trump scopre ora che la Corea del nord non ha intenzione di denuclearizzarsi

24 Maggio 2018 alle 06:00

Il trucco di Kim Jong-un

Foto LaPresse

Mentre la Casa Bianca diffondeva le immagini delle medaglie commemorative realizzate in occasione dello storico summit tra America e Corea del nord – con tutte le polemiche che si porta dietro l’aver definito Kim Jong-un “leader supremo”, che vuol dire legittimarlo – subito dopo l’incontro a porte chiuse con il presidente sudcoreano Moon Jae-in, il presidente americano Donald Trump ha detto: “C’è una possibilità consistente che [il summit con Kim Jong-un] non si farà”. E’ plausibile che Trump abbia realizzato, dopo l’incontro con Moon, che le aspettative americane sul tavolo delle trattative con Pyongyang siano mal riposte. E parlando con i giornalisti, il presidente americano ha messo in evidenza lo scontro tra Washington e Pyongyang sulla definizione esatta della parola “denuclearizzazione”. Per la Casa Bianca Kim Jong-un deve denuclearizzare immediatamente la Corea del nord, e in un solo passaggio, o comunque in un breve periodo di tempo – secondo la formula della denuclearizzazione completa,  verificabile  e irreversibile. Pyongyang, invece, ha più volte fatto notare che questo processo non può che avvenire per gradi, e comunque contemporaneamente all’abbandono delle armi nucleari anche da parte degli altri attori dell’area (significa: denuclearizzare l’intera penisola). E’ forse ancora presto per dire che il grande incontro tra Kim e Trump programmato per il 12 giugno prossimo a Singapore è saltato. E’ più facile pensare che venga rimandato: del resto, altrettanto frettolosamente la Casa Bianca si era impegnata a risolvere la questione, ma ora ha scoperto il trucco di Kim: il dialogo e l’atteggiamento collaborativo non gli faranno cambiare idea sul nucleare.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi