L'Ue si apre a est e torna il tormento del Kosovo (con un asterisco)

Bruxelles ha presentato il documento per l’allargamento nel 2025. La strada più breve per Pristina però passa da Madrid

L'Ue si apre a est e torna il tormento del Kosovo (con un asterisco)

Il presidente del Kosovo Hashim Thaci (foto LaPresse)

Milano. Il paese più europeista di Europa non fa parte dell’Unione europea. Fin dal 2008, infatti, il Kosovo – che compirà dieci anni il prossimo 17 febbraio, anniversario della dichiarazione di indipendenza – si afferra con la presa rapinosa di un naufrago all’Europa, agli Stati Uniti e all’occidente in genere. Il Kosovo ha paura di essere risucchiato dai gorgoglianti Balcani meridionali in cui, seppur pieno di monti e lontano dal mare, è immerso fino al collo. Ma forse ha paura...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi