Più foto di famiglia e meno troll russi su Facebook

Zuckerberg chiede perdono con una riforma morale (che difende i profitti)

Più foto di famiglia e meno troll russi su Facebook

LaPresse/EFE

New York. Nei suoi soliti propositi per l’anno nuovo, Mark Zuckerberg non aveva perso tempo con sfide personali o frivolezze, come quella volta in cui aveva promesso di mangiare per tutto l’anno soltanto carne di animali da lui personalmente uccisi. Si era invece dedicato, con compunzione, alla correzione degli errori e delle manchevolezze che nel 2017 hanno associato Facebook più ai troll russi pro Trump che alle foto di famiglia al mare, mettendo il social network sul banco degli imputati...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi