cerca

Trump taglia gli aiuti al Pakistan

Non puoi finanziare chi ospita i tuoi nemici. Ma è un grosso azzardo

6 Gennaio 2018 alle 06:19

Trump taglia gli aiuti al Pakistan

Foto LaPresse

Gli Stati Uniti hanno annunciato di avere bloccato gli aiuti economici al Pakistan, almeno finché non cambierà il suo atteggiamento nei confronti dei terroristi. La decisione, presa dopo un tweet in cui Donald Trump ha accusato il suo alleato di dare riparo ai terroristi che uccidono i militari americani in Afghanistan e di aver risposto agli aiuti economici soltanto con “bugie e inganni”, mette fine a una lunga ambiguità. Gli americani spendono 1,3 miliardi di dollari all’anno in aiuti e programmi di cooperazione con il Pakistan, considerati necessari per avere una leva da utilizzare nei confronti di un paese che possiede un arsenale nucleare e confina con Afghanistan, Cina, India e Iran. Per la sua posizione geografica, il Pakistan è stato più volte utilizzato dagli Stati Uniti come base per le operazioni di intelligence e militari nella regione, e la grande somma corrisposta è servita anche a giustificare la massiccia presenza americana. Per questo il Pakistan è sempre stato considerato da Washington come il primo dei “major non-Nato ally”, l’alleato più importante dopo i paesi Nato e Israele. Tuttavia, specialmente dal 2001, Washington non ha mai avuto grande fiducia verso Islamabad, come mostra il comportamento americano nell’operazione che consentì di uccidere Osama bin Laden. I Navy Seals, i reparti speciali americani, sapevano che il terrorista si nascondeva in Pakistan ad Abbottabad, a più di 200 chilometri dal confine afghano, ma decisero di non avvertire l’alleato per paura di una soffiata. Ieri il ministro degli Esteri Khawaja Muhammad Asif ha detto che considera conclusa l’alleanza con gli Stati Uniti, “non è così che si comporta un alleato”, una posizione attesa e inevitabile.

 

La decisione di Trump può avere dunque un senso, non puoi dare soldi a un alleato che nasconde i tuoi nemici e spesso rifiuta di darti informazioni necessarie a catturarli. Il paese è un hub terroristico da anni, e nonostante le ripetute richieste di cambiare atteggiamento ha continuato ad avere posizioni molto ambigue. Allo stesso tempo Trump si prende un grosso rischio. Il Pakistan gli serve, e sarebbe meglio anche tenerselo vicino, con quell’arsenale atomico a portata di mano degli islamisti. Inoltre la Cina non aspetta altro che occasioni per estendere la propria influenza e non si farà sfuggire il vicino.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • iksamagreb@gmail.com

    iksamagreb

    06 Gennaio 2018 - 12:12

    Certamente discutibili le virate di giustizialismo spiccio alla sceriffa di Trump, ma continuare con le ambiguità dichiarative e le contraddizioni operative di Obama ha portato solo discredito agli USA e disseminato guerre "democratiche" e destabilizzazione ovunque nel mondo. L'astuzia non è mai stata la forza degli USA, mentre quella di Putin funziona alla grande per la Russia, senza parlare del mondo arabo dove la finzione è legge coranica. Il rischio atomico è sempre alto ma tale rimane per tutti nessuno escluso, ma anche il terrorismo si sta sempre più evidenziando arma a doppio taglio ed un boomerang anche per chi s'illude di potervi fare affidamento. E poi giocare contropiede è sempre stata buona tattica. Speriamo.

    Report

    Rispondi

Servizi