L'Austria vieta il burqa e il niqab nei luoghi pubblici

La legge è in vigore da ieri e riguarda tutti gli indumenti che rendono il volto irriconoscibile 

2 Ottobre 2017 alle 17:01

L'Austria vieta il burqa e il niqab nei luoghi pubblici

Da domenica primo ottobre in Austria è in vigore una legge che vieta di tenere il volto coperto nei luoghi pubblici. Non si potranno indossare burqa, niqab e altri tipi di indumenti che rendono il volto irriconoscibile, come maschere, passamontagna o caschi integrali fuori dal contesto di riferimento. I trasgressori che non sono disposti a scoprirsi il volto su richiesta degli agenti potranno essere posti in stato di fermo e costretti a chiarire le loro generalità in un commissariato, oltre a ricevere una multa di 150 euro. Già ieri una donna che indossava un velo integrale è stata fermata da due poliziotti a Zell am See, una cittadina a sud di Salisburgo, ed è stata invitata a rimuoverlo. 

  

  

La legge, approvata lo scorso giugno, è stata chiamata con l'acronimo AGesVG, che significa "Legge contro la copertura del volto". Il governo ha illustrato in un volantino diffuso in quattro lingue (tedesco, inglese, turco e arabo) i vari casi in cui si può incorrere in sanzioni, elencando i vari indumenti inammissibili. A sostenere l'introduzione del "ban" è stato l'attuale cancelliere Christian Kern, che ha dichiarato: "L'accettazione e il rispetto dei nostri valori sono una condizione di base per una convivenza pacifica tra la maggioranza degli austriaci e le persone straniere che vivono in Austria". Una posizione rimarcata anche in vista delle prossime elezioni, per chiarire la linea politica proposta dal partito socialdemocratico di Kern. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi