cerca

L’élite della Brexit scappa dal Regno Unito

Ora i finanziatori del Leave tremano e si rifugiano nei paradisi fiscali

14 Agosto 2018 alle 06:00

L’élite della Brexit scappa dal Regno Unito

Alcuni tra i più importanti finanziatori britannici della campagna per la Brexit si sono resi conto dei rischi dell’uscita dall’Unione europea e hanno preso le contromisure. Sir Jim Ratcliffe, l’uomo più ricco del Regno Unito con un patrimonio stimato di 21 miliardi di sterline e mecenate pro Brexit, ha appena trasferito la propria residenza nel paradiso fiscale di Montecarlo. Anche la società d’investimento cofondata da Jacob Rees-Mogg, deputato di minoranza del Partito conservatore e paladino della hard Brexit, ha aperto una nuova filiale in Irlanda, dove le tasse sono molto basse. La compagnia finanziaria di cui Rees-Mogg detiene il 15 per cento ha smentito un nesso tra la Brexit e la scelta di lasciare la City. Tuttavia, a marzo l’azienda aveva descritto l’uscita dall’Ue come un rischio per chiunque volesse continuare a investire nel mercato europeo. Infine, il direttore generale della compagnia postale Yodel ha ammesso che “l’incertezza della Brexit può minare la fiducia dei nostri clienti”. La notizia è che Yodel appartiene ai fratelli Barclay, che sono anche i proprietari del Daily Telegraph, uno dei giornali che hanno fatto campagna per il Leave nel 2016 e che ancora adesso chiede un divorzio immediato da Bruxelles. L’ipocrisia di fondo è che i finanziatori della Brexit negano pubblicamente ogni rischio per le aziende che risiedono nel Regno Unito ma poi, discretamente, mettono al sicuro i propri interessi. Le élite populiste hanno favorito l’esito del referendum a suon di milioni ma ora si sono chiamate fuori, lasciando che il peso delle loro scelte ricada sul resto del paese.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

Servizi