cerca

Perché i dati pessimi sulla crescita italiana sono persino troppo ottimistici

La Commissione rivede al ribasso le stime. L’Italia è in coda all’Europa, il debito sale e piani del Mef si complicano ancora di più

13 Febbraio 2020 alle 21:14

Perché i dati pessimi sulla crescita italiana sono persino troppo ottimistici

Il ministro dell'Economia, Roberto Gualtieri (foto LaPresse)

Roma. Il 2020 sarà un altro “anno bellissimo” a crescita zero. La Commissione europea ha diffuso le sue stime sull’economia europea, rivedendo al ribasso il dato italiano del 2019 (0,2 anziché 0,4 per cento), e riducendo anche quelle per il 2020: quest’anno il pil crescerà dello 0,3 per cento, la metà di quanto previsto dal governo con la legge di Bilancio. Ancora una volta l’Italia resta l’ultimo paese dell’Unione (fuori e dentro l’Eurozona) per crescita economica e l’unico sotto all’1...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Luciano Capone

Luciano Capone

Sono cresciuto in Irpinia, a Savignano. Sono al Foglio da 12-13 anni, anche se il Foglio non l’ha mai saputo, da quando è diventato la mia piacevole lettura quotidiana. Dal 2014 sono sul Foglio e stavolta lo sa anche il Foglio. Liberista sfrenato, a volte persino selvaggio.

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi