cerca

Pericolose occupazioni bulimiche

Non solo Nava. Zero provvedimenti pro popolo, molti per il potere

15 Settembre 2018 alle 06:16

Pericolose occupazioni bulimiche

Mario Nava (foto LaPresse)

In tre mesi e mezzo il governo gialloverde ha prodotto un solo atto di governo: il cosiddetto decreto Dignità convertito in legge il 9 agosto; oltre al decreto Genova per propria ammissione incompleto e al tradizionale decreto Milleproroghe. La pausa estiva, si dirà. Ma questa non ha impedito a Matteo Salvini e Luigi Di Maio di prodursi in una bulimia di nomine della quale le dimissioni imposte a Mario Nava dalla Consob sono l’ultimo esempio. In precedenza ci sono state Cdp (20 luglio), Rai (27 luglio), Ferrovie (30 luglio), Agenzia delle entrate, quelle del Demanio e delle Dogane e Monopoli (8 agosto). L’estate e le vacanze parlamentari non hanno frenato la presa sui settori dello stato e dell’economia: una nomina ogni due settimane, rapporto più che doppio rispetto a leggi e decreti approvati e a un’attività assai ridotta di Camera e Senato (Giuseppe Conte vi ha messo piede quattro volte, i suoi due vice poco più). La spartizione non è certo una novità dei grillino-leghisti; ma almeno, per riferirsi al bersaglio più vituperato, Matteo Renzi, per Cdp, Rai e Fs aveva aspettato un anno e mezzo, le agenzie fiscali erano state nominate da Paolo Gentiloni, mentre sulla Consob il Pd non aveva messo bocca essendo essa formalmente indipendente dalla politica, di competenza del Quirinale. Di Maio e Salvini non sono però soddisfatti: in attesa ci sono Istat, Inps, servizi segreti e vertici militari. Infatti, come ha detto la sottosegretaria grillina Laura Castelli a proposito dell’Istat, “si deve essere in sinergia con la nostra politica”, cioè con il contratto privato Di Maio-Salvini e i desiderata della piattaforma Rousseau di Davide Casaleggio. Fanno presto a disarcionare, ma fanno poi fatica a decidere, modalità Raggi a Roma. Prima di cambiare “la vita delle persone”, intanto eccovi gli incarichi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • niky lismo

    15 Settembre 2018 - 16:04

    Ma in tutto questo gli elettori (il POPOLO) esprime in massima parte apprezzamento. Per che cosa? Null'altro che la burbera assertività di Salvini, i suoi modi spicci come si usa al mercato (quello rionale, beninteso), o per la sicumera asintattica del giovine Di Maio. Al popolo evidentemente basta questo, il popolo è contento: mai visto un governo col 70% dei consensi. Quanto a lavoro, reddito, pressione fiscale, investimenti, sanità, trasporti, scuola, il popolo è di bocca buona: siamo noi che abbiam creduto che le precedenti maggioranze siano state sconfitte su questo, sui temi concreti, sulla vita reale, invece no... Bastava fare i trucidi all'Europa, equiparare disperazione e criminalità, tacciare di ladrocinio il mondo intero, prospettare regalie a tutto campo... ci sarebbe riuscito anche Renzi, e pure bene.

    Report

    Rispondi

Servizi