cerca

Finis Tirreno. Epilogo di un accanimento giudiziario

L'aria è pulita e la centrale Tirreno Power è stata piegata da un'inutile inchiesta. Chi paga?

2 Agosto 2018 alle 20:49

Finis Tirreno. Epilogo di un accanimento giudiziario

La centrale Tirreno Power di Vado Ligure (foto LaPresse)

L’Osservatorio regionale ligure sull’ambiente ha rilasciato il suo rapporto finale sulla qualità dell’aria nell’area di Vado Ligure. Le conclusioni sono inequivocabili: la qualità dell’aria era ed è buona. Nessuna modifica è intervenuta dopo la chiusura della centrale di Tirreno Power. Non vi è e non vi era alcuna differenza nella presenza di malattie respiratorie in quell’area rispetto al resto della Liguria. Punto.

 

Nel frattempo una scriteriata iniziativa della procura locale ha portato alla chiusura della centrale, alla cancellazione  di circa 1.000 posti di lavoro, a ingenti danni economici per la società, la Tirreno Power, proprietaria dell’impianto.

 

Ma tutta la storia potrebbe esser presa a esempio di cosa accade quando l’accanimento e il protagonismo giudiziari si scontrano con la ragionevolezza. A cominciare da una surreale perizia sulla qualità dell’aria e le conseguenze sanitarie commissionata dalla Procura non come ragione vorrebbe a organismi pubblici a ciò destinati e che questo lavoro lo svolgono regolarmente anno dopo anno. Ma in base all’idea che tutti complottassero per tenere nascosti dati negativi a periti di parte, noti per la loro militanza ambientalista. Conclusasi naturalmente con risultati catastrofici, con stime di migliaia di morti – mai rilevati da alcuna indagine pubblica. Da qui la messa in stato di accusa di decine di persone fra dipendenti della società e funzionari pubblici e la conseguente chiusura della centrale. In spregio al fatto che anche la procura avesse dovuto prendere atto che mai i limiti di emissione previsti dalla Legge fossero stati superati.

 

Nel frattempo numerose altre centrali dello stesso tipo continuavano a funzionare nella stessa Liguria e in altre parti di Italia non ravvisando le Procure di quei luoghi la stessa emergenza rilevata invece a Vado.

In questo modo la procura non solo sbagliava completamente le sue valutazioni, ma si introduceva il criterio secondo il quale non basta alle imprese rispettare le leggi dello Stato italiano, ma devono anche tutelarsi, non si sa come, dal giudizio di “ esperti” scelti a capocchia dalla Procura stessa.

 

La perizia e la metodologia usata è stata più volte contestata, per non dire ridicolizzata, da ben più solidi Istituti scientifici, ma questo non ha fermato il Procuratore di allora, fortunatamente oggi in pensione.

I suoi successori si trovano in un bel pasticcio , venendo a mancare i presupposti giuridici e materiali per sostenere l’accusa e infatti a poco a poco gruppi di indagati vengono via via esclusi dal procedimento. Naturalmente gruppi e comitati locali continuano a negare l’ evidenza e pretendere giustizia la’ dove una grande ingiustizia si è già compiuta.

 

Rimane ora una domanda. Chi paga per tutto questo? Per i danni economici inferti, per i posti di lavoro persi, per l’inutile allarmismo sollevato che ha riempito per anni le pagine dei giornali liguri e nazionali?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • marco.ullasci@gmail.com

    marco.ullasci

    03 Agosto 2018 - 09:09

    Che domenda! O le vittime dell'ingiustizia o i contribuenti. E andate sereni che non ci saranno processi ai danni di chi ha gridato all'untore e a chi gli ha dato retta. Non dico per recuperare dei soldi, ma anche solo per disincentivare i prossimi complottisti senza prove dal mandare in rovina un'altra azienda e, a lungo andare, il paese nel suo complesso.

    Report

    Rispondi

  • carlo schieppati

    03 Agosto 2018 - 07:07

    Ci sono esempi anche in vicende piccole e poco note nelle quali "l'accanimento e il protagonismo giudiziari si scontrano con la ragionevolezza". Ho seguito le cronache del processo per l'assassinio di Lidia Macchi. Ebbene la Procura ha disposto il ribaltamento del parco di Masnago (Varese) e di un boschetto a Cittiglio in cerca dell'arma del delitto (di 31 anni fa) che presentassero tracce organiche da cui estrarre un profilo genetico. A parte il fatto che i magistrati avevano in undici vetrini il liquido seminale dell'assassino e l' hanno mandato al macero nel 2000 senza averne rilevato il profilo genetico, durante il processo hanno interrogato un esperto per sapere quante probabilità ci fossero di trovare alcunchè e la risposta è stata: "una su un milione di miliardi", cioè nessuna. Chi paga?

    Report

    Rispondi

  • joepelikan

    02 Agosto 2018 - 22:10

    La magistratura ha un problema enorme di competenza tecnico-scientifica, inaccettabile nell'èra della tecnica, sulla quale i magistrati stessi farebbero bene ad interrogarsi. Il problema non è banale perchè l'incompetenza in materia scientifica rende impossibile ai magistrati valutare l'attendibilità dei periti e dei consulenti cui ci si rivolge. Del resto, l'ammissione agli elenchi dei CTU è basata su criteri che non garantiscono minimamente il grado di competenza. Una potenziale soluzione sarebbe quello di rafforzare la presenza dei ruoli tecnico-scientifici delle forze dell'ordine a sostegno delle attività giudiziare, anche al di fuori delle tradizionali attività di polizia scientifica. Sarebbe interessante avere l'opinione di qualcuno del settore sul tema.

    Report

    Rispondi

Servizi