Dalla vaffa week al futuro di Cottarelli. Di cosa parlare stasera a cena

Idee e spunti per sapere quello che succede nel mondo selezionati per voi da Giuseppe De Filippi

29 Maggio 2018 alle 18:20

Dalla vaffa week al futuro di Cottarelli. Di cosa parlare stasera a cena

E di che volete parlare? Qui c'è un paese impazzito che sta andando a sbattere. Tutte le bugie e le mezze bugie propagandate da qualche anno a questa parte ci stanno ricadendo in testa, il mondo e l'Europa ci colpiscono con il loro vaffa day e con una intera vaffa week. Ci siamo riempiti la testa con le minchiate della gabbionomics (da la gabbia) e adesso abbiamo solo le nostre cambiali da sbattere sul tavolo di Bruxelles. Un gentile e beneficiato commissario europeo ce lo ricorda e qui parte la disfida di Barletta. La prima traduzione è sbagliata e sembrano chissà che toni, ma la sostanza resta difficilmente negabile 

 

In ogni caso i nostri titoli del debito pubblico sono in evidente difficoltà. Luigi Di Maio e Matteo Salvini tentano di fare i furbi dando responsabilità a Carlo Cottarelli. Ma è ben noto che le tensioni prima e il crollo poi sui mercati finanziari sono nati con la campagna elettorale anti Europa e pro deficit e si sono acuiti con il grottesco contratto per governare e con la rivelazione di un progetto per uscire dall'euro a sorpresa. Cottarelli, senza fiducia, può fare nulla. E domani tornerà al Quirinale, dopo il mancato annuncio di oggi, forse per dire che non può andare avanti. Lo spread migliora un po' e chiude a 280.

 

Mentre il Pd fa fatica a capire la gravità del momento, propone una astensione benevola a Cottarelli, ormai superata a quanto pare, e cincischia con la disfida di Barletta.

 

E la Cgil passa in pochi giorni da "parlano al nostro popolo" a "c'è un'emergenza democratica".


Ovviamente senza governo bisogna votare. E cresce la probabilità di inizio agosto.

 

Mal comune...

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi