cerca

Malessere americano

In America si nasce di meno e si muore di più. Due ricerche fotografano una crisi che non è solo figlia dell’economia

Mattia Ferraresi

Email:

ferraresi@ilfoglio.it

1 Dicembre 2019 alle 06:00

Malessere americano

Casa abbandonata nel Maryland (foto di Rawpixel Ltd via Flickr)

In America si nasce di meno e si muore di più. La sintesi brutale si deduce da due distinte ricerche su fertilità e mortalità negli Stati Uniti che, lette in parallelo, offrono l’immagine di un malessere che avanza su due fronti. Da un lato la crisi demografica, dall’altro la “morte per disperazione” degli americani di mezz’età, secondo l’espressione degli economisti Anne Case e Angus Deaton, pionieri del genere. Non sono fenomeni inediti: si tratta piuttosto della cronicizzazione di tendenze che, anni fa, si consideravano come esiti congiunturali della Grande recessione, mentre oggi hanno l’aria di un new normal. I dati del National Center for Health Statistics dicono che nel 2018 il tasso di natalità è calato per il quarto anno consecutivo, stabilendo un nuovo record negativo. L’indice è sceso del 2 per cento rispetto al 2017 e si parla di una flessione del 15 per cento a partire dal 2008, anno in cui è cominciata la generale tendenza declinante che i numeri più recenti confermano. Nel 2014 c’è stata un’inversione di tendenza, ma era un picco statistico isolato, non l’indizio di un cambio di rotta. Se gli Stati Uniti si fossero mantenuti sui livelli di fertilità del 2007, oggi ci sarebbero 5,7 milioni di nuovi nati in più nel paese. L’immigrazione ha impedito che il declino demografico si traducesse in un calo della popolazione, come avviene invece in altri paesi che attraversano fasi più rigide dell’inverno demografico.

   

Il primo enigma per i demografi è la correlazione tra la fertilità e l’andamento dell’economia. L’America ha attraversato periodi di calo delle nascite in corrispondenza delle crisi economiche – innanzitutto dopo la Grande depressione – ma i numeri sono tornati a crescere quando l’economia ha ripreso a correre. Non è successo in questa fase, cosa che induce gli studiosi a mettere in dubbio l’ipotesi economicista. Forse l’infertilità è figlia dello spirito del tempo più che dell’assottigliarsi del budget. L’altro tema che emerge è che le donne americane fanno figli sempre più tardi: l’unica sezione demografica in cui si riscontra un aumento della fertilità è quello attorno ai quarant’anni. Al di sotto di quella soglia, il segno è negativo. “I dati suggeriscono che le persone vogliono sistemarsi prima di avere figli”, ha sintetizzato la demografa della Johns Hopkins Alison Gemmill, intervistata dal New York Times.

  

Lo studio da leggere in parallelo per completare il quadro del malessere spiega invece che la mortalità fra gli americani di mezza età è in aumento, un fatto che era già noto per la popolazione bianca e poco istruita, gravata da oppiacei, alcolismo e suicidi, tutto materiale ampiamente utilizzato nella rappresentazione popolare del white trash che vive in roulotte e vota Trump. Una ricerca pubblicata su Jama, e che analizza dati federali dell’ultimo mezzo secolo, spiega che il fenomeno non riguarda solo i bianchi, è più generalizzato e trasversale, colpisce soprattutto gli uomini fra i 25 e i 64 anni, mentre la mortalità infantile e fra gli anziani è in linea con le tendenze positive che si sono registrate per decenni prima del 2010. Il picco della mortalità è concentrato in alcuni stati (New Hampshire, Maine, Vermont, West Virginia e Ohio) e le cause gravitano attorno a problematiche note, come la diffusione del fentanyl e altri oppiacei devastanti, ma anche all’aumento di infarti, malattie cardiovascolari e polmonari. A dispetto del fatto che gli Stati Uniti sono il paese al mondo che spende di più per la sanità.

Mattia Ferraresi

Mattia Ferraresi

Nato nella terra di Virgilio e cresciuto in quella di Tassoni, ora vive nel quartiere di Tony Manero. E’ il corrispondente dagli Stati Uniti. Ama, con il necessario distacco penitenziale, il Lambrusco e l’Inter. Ha scritto alcuni libri su cose americane e non, l’ultimo è “La Febbre di Trump” (Marsilio). Sposato con Monica, ha due figli, Giacomo e Agostino.

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • branzanti

    01 Dicembre 2019 - 14:57

    Negli Usa l'aspettativa di vita, negli ultimi tre anni, ha fatto registrare una costante diminuzione, in controtendenza con i paesi occidentali. Parimenti il livello delle nascite non ha conosciuto la stressa inversione di tendenza che sibera manifestata dopo periodi di recessione. Personalmente credo che un elemento trascurato sia il reale stato dell'economia Usa che, al di là di qualche dato molto parziale (disoccupazione in riduzione, con un tasso di partecipazione che rimane stranamente fermo) non è affatto in salute e non esercita ricadute positive sulla vita delle persone. E la prossima recessione è in agguato.

    Report

    Rispondi

Servizi