cerca

“Dittatura morale”

L’astro letterario tedesco Uwe Tellkamp nella bufera per le critiche all’immigrazione. “È la talebanizzazione della società”

28 Aprile 2018 alle 06:00

“Dittatura morale”

Uwe Tellkamp

Roma. È nell’ultimo numero della rivista Cicero che Alexander Grau fa detonare il paradosso: “Nel nome di valori liberali come tolleranza e libertà di espressione, si è sempre più intolleranti e si limita la libertà d’espressione. Uwe Tellkamp si lamenta di un ‘corridoio morale’ e viene punito. Quello che è successo negli ultimi mesi in questo paese è allarmante. A volte si ha l’impressione che si debba salvare la libertà dal liberalismo”. Si parla ovviamente del maggiore scrittore tedesco della sua generazione, Uwe Tellkamp, autore del grande Bildungsroman di mille pagine sulla Ddr, “La torre” (Bompiani). A Dresda, in una conversazione con il poeta Durs Grünbein, Tellkamp, vincitore di tutti i premi che contano, aveva detto che il novanta per cento degli immigrati non è composto da rifugiati ma da “migranti economici” e che in Germania esiste un un “corridoio etico” in cui opinioni come la sua sono “solo tollerate” e si rischia la “dittatura morale”. Apriti cielo.

 

L’editore di Tellkamp, Suhrkamp, lo scarica, Tellkamp annulla i tour dei romanzi e la stampa ne fa un lebbroso. Ma ora arrivano anche i difensori. Su Handelsblatt di questa settimana, il pittore Neo Rauch lamenta la “talebanizzazione della società” e si dice solidale con Tellkamp. Sulla Zeit, Ulrich Greiner scrive che ormai “l’arma più forte nella disputa è l’accusa di essere di destra”. Tellkamp è un astro della “cultura Suhrkamp”, come George Steiner nel 1973 ebbe a definirla sul Times Literary Supplement, la casa editrice che ha plasmato il panorama culturale tedesco, incidendo a fondo nella vita spirituale della nazione ma che, pur rappresentante dell’intellighenzia progressista, aveva sempre evitato di appiattirsi sull’ortodossia, pubblicando cani sciolti come Thomas Bernhard. Ora c’è chi la chiama Stasi Verlag, in riferimento alla polizia segreta della Ddr che reprimeva ogni dissenso.

 

“Tellkamp ritiene che dopo gli incidenti di Dresda non sia possibile eseguire letture pubbliche”, ha detto il suo agente. Lo scrittore è sostenuto dalla collega Monika Maron. Il comportamento dell’editore, ha detto Maron alla Faz, è una “mostruosità” e “se dici apertamente la tua opinione in Germania sei minacciato di ostracismo”. Già Rolf Peter Sieferle, lo storico suicida che non a caso post mortem aveva gettato nell’arena culturale la bomba a mano di Finis Germania, era stato eliminato dalla classifica dei libri dello Spiegel. Con l’articolo Der letzte Deutsche, l’ultimo tedesco, i supplementi letterari hanno fatto del drammaturgo Botho Strauss una persona non grata. Senza considerare Christian Thielemann, che avrebbe dovuto essere nominato direttore della Berliner Philarmoniker, primo tedesco dopo Wilhelm Furtwängler. Ma l’accusa di essere un “razzista islamofobo” gli è costata il posto a favore di Kirill Petrenko. “Come capo dei Filarmonici, Thielemann non è politicamente sostenibile”, aveva sentenziato la Berliner Zeitung. I Berliner in segno di protesta avevano affisso un poster nella sala da concerti: “Un’orchestra, quattro religioni”. Colpevole, Thielemann, di aver definito il movimento antislamista Pegida “non una malattia ma un sintomo” della crisi “di valori su cui si fonda la nostra comunità”.

L’intellettuale di rango Frank Böckelmann, direttore della rivista Tumult, l’ha chiamata tirannia “ipermorale”, un pensiero debole, debolissimo, ma che ormai spadroneggia come una autocrazia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Nambikwara

    Nambikwara

    29 Aprile 2018 - 12:12

    Sarò breve : Che la maggior parte dei migranti sia motivata da questioni economiche è fuor di dubbio. Quindi, a maggior ragione, ci dovrà essere un limite quantitativo e qualitativo: il primo si spiega in sè, il secondo impatta sulla cultura e i valori che essa esprime in un contesto. Il fenomeno dell'immigrazione è quindi quali-quantitativo che si può esplicitare in due concetti: multietnico e multiculto; il primo non intacca i valori qualitativi il secondo si con l'involuzione nella società ospitante di oasi ognuna delle quali assolve ai propri valori; questo crea fratture e col tempo odio e contrapposizioni (vedi Francia e Inghilterra dove addirittura parti di città sottostannno alla sharia, "lassaiz faire") . Quindi "ipocrisia 4.0" verso lo scrittore tedesco e "dinoVauri" (*) progressisti del nulla qua e là in Italy. (*) il "dinoVauro" è un soggetto in via di estinzione che si diletta a schizzi su pietra. Si comunica al Direttore che dinoVauro è copright dei Nambikwara.

    Report

    Rispondi

Servizi