Oxford è diventata la Babilonia dell'ideologia

Dai ritratti ai curricula. Nell’università più famosa al mondo vige la dittatura molle della diversity

Oxford è diventata la Babilonia dell'ideologia
Post-truth” è stata nel 2016 la parola dell’anno scelta dagli Oxford Dictionaries e rimpallata in tutto il mondo. Ma proprio l’Università di Oxford, che pubblica il celebre dizionario, sembra impegnata a dare un nuovo significato proprio alla “post-verità”.   Una serie di ritratti agiografici di ex studenti hanno fatto la loro comparsa nelle pareti della più celebre università anglosassone. L’iniziativa fa parte del progetto “Diversifying Portraiture” che Oxford ha adottato un anno fa. L’ateneo era stato criticato per “la mancanza...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • gaetano.tursi@virgilio.it

    gaetano.tursi

    04 Dicembre 2017 - 13:01

    Qualche migliaio di anni (sic!) prima che ad Oxford si istituissero “corsi per la consapevolezza razziale” così che a Naomi Wolf (“giornalista, femminista ed ex studentessa”) fosse finalmente consentito immaginare “un posto nella storia” ad altri che non fossero i soliti “uomini bianchi” i cui ritratti la scrittrice vedeva “appesi alle prestigiose pareti” del college, nasceva - tra Nord Africa ed Anatolia - una comunità (che oggi ben potremmo definire “multiculturale, multirazziale e multietnica”) e che, più che “un posto nella storia”... la storia l’ha proprio “fatta”. Qualche nome? (Nei mille caratteri consentiti ne entrano solo una minima parte, per il resto consultate pure Wikipedia, alla voce “Padri della chiesa”): Leone I Papa (San), Giovanni Damasceno (San), Antonio abate (San), Basilio Magno (San), Gregorio Nazianzeno (San), Gregorio di Nossa (San), Agostino di Ippona (San), Giovanni Crisostomo (San), Sincletica (Santa), Ignazio di Antiochia (San), Tertulliano di Cartagine...

    Report

    Rispondi

    • gaetano.tursi@virgilio.it

      gaetano.tursi

      04 Dicembre 2017 - 17:05

      [...], Policarpo di Smirne (San), Papia di Ierapoli (San), Giustino martire (San), Tatiano il Siro (apologeta), Teofilo di Antiochia (San), Melitone di Sardi (apologeta), Clemente di Alessandria (Padre della Chiesa), Dionisio di Alessandria (San), Pietro di Alessandria (San), Cipriano di Cartagine (San), Minucio Felice di Cirte-Numidia (apologeta), Lattanzio africano (Padre della Chiesa); Eustazio di Antiochia (San), Eusebio di Cesarea (Padre della Chiesa), Cirillo di Gerusalemme (San), Alessandro di Alessandria (San), Atanasio di Alessandria (San), Didimo di Alessandria (San), Efrem il Siro (San), , Teodoro di Mopsuestia (Padre della Chiesa), Teodoro di Ciro (Padre della Chiesa), Cirillo di Alessandria (San), ….

      Report

      Rispondi

  • pietro.parodi2

    03 Dicembre 2017 - 18:06

    Certo che, tra la profonda stupidità della Brexit e l'immensa imbecillità di questi ragazzi/e che dovrebbero esserne la futura classe dirigente, lo spazio per i Brits decenti e di buon senso, che è stato la base della tradizionale potenza dell'UK, si riduce ogni giorno di più. Ed è un peccato per tutti, perché la mancanza del solido e pragmatico liberalismo (in senso europeo) dei britannici la sentiremo tutti.

    Report

    Rispondi

  • perturbabile

    03 Dicembre 2017 - 13:01

    Più che un' università allo sfascio che si crede all'avanguardia. Una miseria antropologica. Dove 'studenti ammassati' significa delirio. Dove la voce della coscienza, l'autostima o il disagio, la calma o l'ansietà, il riscatto anche razziale (se si vuole), che dovrebbero dipendere dai voti sul libretto universitario, sono sostituiti dalle facce che guardano (negli occhi) gli studenti dai muri. Dove vigono la libertà di obbligare, l'arbitrario privilegio a categorie e tematiche imposte, e l' antico (che conservatore il mondo!) antisemitismo. Sotto la guida intransigente del sindacato degli studenti, che notoriamente sono degli impiegati, come I bidelli, gli amministrativi ecc. Forse i ventenni spregiudicati e intelligenti -e le loro famiglie- cominceranno a disdegnare Oxford, forse il mercato del lavoro saprà distinguere tra i candidati provenienti da una buona anche se non tradizionalmente eccelsa università (se ne rimarranno) e i fuoriusciti da questa struttura vana e marcescente.

    Report

    Rispondi

Servizi