cerca

A Oxford si oscura la mezzaluna di Ramadan, seduttore islamico dei borghesi

Einaudi, Corriere della Sera, governi. Aveva conquistato tutti

Giulio Meotti

Email:

meotti@ilfoglio.it

7 Novembre 2017 alle 18:31

A Oxford si oscura la mezzaluna di Ramadan, seduttore islamico dei borghesi

Tariq Ramadan

Roma. Cosa sarebbe successo se Harvey Weinstein, accusato di molteplici stupri e molestie sessuali, avesse gridato al “complotto antisemita”, l’Academy lo avesse lasciato al suo posto e i colleghi si fossero esposti a sua difesa, dicendo che Weinstein era pur sempre “un insigne produttore”? E’ quello che stava per succedere con Tariq Ramadan, il celebre islamologo svizzero accusato da diverse donne di stupri e molestie sessuali.

 

Adesso altre quattro nuove accuse arrivano dalla Svizzera, dove alcune ex studentesse dicono di essere state abusate da Ramadan. Riporta la Tribune de Geneve che una di queste donne dice di aver fatto sesso con Ramadan quando aveva quindici anni nel retro di un’auto. E cosa avevano pensato di fare gli accademici di Oxford dove Ramadan insegna? Ovviamente lasciargli la cattedra.

 

Una militante inglese per i diritti delle donne, Aischa Ali-Khan, aveva raccolto le firme per cacciare Ramadan dalla prestigiosa università. “Nelle due settimane precedenti, un certo numero di donne ha denunciato le aggressioni sessuali e la condotta inappropriata del professor Tariq Ramadan. Le ultime accuse mostrano che il professor Ramadan ha abusato della sua posizione facendo sesso con almeno tre delle sue studentesse, una delle quali era minorenne. Chiediamo a Oxford di sospendere immediatamente il professor Ramadan fino a che queste e le precedenti accuse fatte in altri paesi siano completamente chiarite. Mentre crediamo nella massima che si è innocenti fino a prova contraria, l’Università di Oxford non può semplicemente continuare a mettere a rischio il benessere dei suoi studenti”.

 

Quel silenzio musulmano che avvolge lo scandalo sessuale di Tariq Ramadan

Nessuna dichiarazione ufficiale delle organizzazioni islamiche francesi, gli insulti e le accuse alla scrittrice Henda Ayari

 

Dalla prima accusa di stupro due settimane fa, gli studenti riferiscono che Ramadan aveva tenuto un seminario a Oxford e che era stato visto “ridere” con i membri delle facoltà. In risposta alle richieste degli studenti e alla raccolta delle firme, i senior della facoltà avevano così organizzato una riunione “per affrontare le implicazioni per il benessere degli studenti derivanti dalle accuse”.

  

La risposta ufficiale era arrivata dal direttore del Centro per il medio oriente, Eugene Rogan, che aveva detto: “Non si tratta solo di violenza sessuale. Per alcuni studenti è solo un altro modo per gli europei di combattere contro un insigne intellettuale musulmano. Dobbiamo proteggere gli studenti musulmani che credono e si fidano di lui”. Sì, abbiamo letto bene.

 

Martedì è arrivata la decisione dell’università: “congedo”. La mezzaluna di Tariq Ramadan si sta dunque oscurando in quella prestigiosa università che, dal 2009, gli aveva dato il maggior lustro. La cattedra di Ramadan a Oxford era stata finanziata dal Qatar, che soltanto nel 2015 aveva donato undici milioni di sterline per rinnovare il college di Oxford dove insegna Ramadan. Una storia che rischia di affondare uno dei grandi barconi multiculturali europei.

 

Ramadan, infatti, è stato a lungo il conferenziere amato dalla gauche francese, il consulente di Tony Blair e David Cameron, l’affabulatore della gioventù delle periferie, il maestro nell’arte di séduire le bourgeois, il moralizzatore del velo e del “pudore” islamico, l’imbonitore che voleva “discutere” della lapidazione, il terzista che non si disse Charlie, l’islamologo pubblicato con i blasoni editoriali (Einaudi in Italia) e che, un anno fa, dalle colonne del Corriere della Sera predicò “la regione al servizio di Allah”. Mentre al proprio di servizio pare ci mettesse un po’ di concubine.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • giusevim

    08 Novembre 2017 - 12:12

    e Mr Eugene Rogan è rimasto al suo posto?

    Report

    Rispondi

  • angelo54

    07 Novembre 2017 - 21:09

    Aldilà di Ramadan, del quale credo che queste non siano le malefatte peggiori, mi pare che la figura più penosa la faccia Oxford. La grande tradizione oxoniense caduta così in basso, quasi peggio delle università italiane... e quel Rogan poi, studioso del mondo arabo che si è innamorato dell'oggetto dei propri studi, che fa dichiarazioni da mafioso (provate a sostituire islamico con siciliano e dite se non ci sentite un'arietta di famiglia...).

    Report

    Rispondi

  • guido.valota

    07 Novembre 2017 - 19:07

    Non si poteva pretendere di più, considerando il collaborazionismo filonazislamista imperante. Neppure Al Capone fu condannato per omicidio. E poi il lato comico che dà tipicamente la pennellata finale ai tracolli dei miti esotici della sinistra: incastrato dalle stesse donne che vorrebbe sottomesse, e per mali molto minori rispetto a quelli che riserverebbe loro se fosse libero di farlo nei suoi paradisi di pace e tolleranza.

    Report

    Rispondi

Servizi