A Cambridge, William Shakespeare è un porco peggio di Harvey Weinstein

Avviso agli studenti: "Quelle commedie sono sessiste"

Giulio Meotti

Email:

meotti@ilfoglio.it

27 Ottobre 2017 alle 06:13

A Cambridge, William Shakespeare è un porco peggio di Harvey Weinstein

Roma. Povero William Shakespeare, trattato come un Harvey Weinstein qualunque. Gli studenti di Cambridge da oggi riceveranno un “avvertimento” per consentire loro di leggere le opere di Shakespeare senza esserne sconvolti. Si dice “trigger warning”, è un termine nato per descrivere le immagini che rievocavano i traumi dei veterani del Vietnam e diventato popolare negli anni Novanta per indicare la presenza di contenuti che avrebbero potuto offendere o turbare le minoranze.

 

La lettura della “Commedia degli errori” e di “Tito Andronico”, la storia di vendetta e potere tra un vecchio generale romano e la regina dei Goti che finisce in un bagno di sangue, includerebbe “discussioni sulla violenza sessuale” e rappresentazioni della “violenza sessuale”. David Crilly, direttore artistico del Cambridge Shakespeare Festival, ha detto al Telegraph: “Se uno studente di letteratura inglese non sa che ‘Tito Andronico’ contiene scene di violenza, non dovrebbe neppure frequentare le lezioni”.

 

Fra i grandi classici della letteratura anche la lettura di Euripide viene “attenzionata”, in particolare “Le baccanti” e “Ippolito”. Duro anche il professore Dennis Hayes dell’Università di Derby, che ha dichiarato: “Una volta che avremo un paio di avvertimenti, i docenti smetteranno di presentare qualsiasi cosa controversa… gradualmente, non ci sarà discussione critica”. Si tratta di una mania iniziata nelle università americane. Non soltanto “Il Grande Gatsby” di Fitzgerald è ora accompagnato da questo avvertimento: “Suicide, domestic abuse and graphic violence”. Ma anche Ovidio con le sue “Metamorfosi” è oggetto di scrutinio perché celebrerebbe lo stupro.

 

E’ successo che alla Columbia University a chiederne la rimozione sia stato il comitato che vigila sul multiculturalismo, che ha definito il capolavoro del poeta latino “un testo che, al pari di molti libri del ‘canone’ occidentale, contiene materiale offensivo”. Tutte quelle immagini di stupro e atrocità hanno spinto una studentessa vittima di violenza sessuale a lamentarsi dell’atteggiamento del professore che, nel raccontare quelle gesta, si è “focalizzato sulla bellezza dello stile e sullo splendore del linguaggio figurato”. Una scelta che ha costretto la ragazza a chiudersi in se stessa. “Non si è sentita tranquilla”, ha accusato il comitato preposto “ad assicurare che il campus della Columbia sia sicuro e ospitale per tutti gli studenti”.

 

I docenti di Cambridge ora affermano che il warning su Shakespeare intende proteggere “la salute mentale dei laureandi”. Un docente anonimo di Cambridge ha risposto alla Bbc: “Il nostro dovere come educatori è quello di preparare i nostri studenti per il mondo, non di proteggerli per tre anni”.

 

Nel 1968, in Italia, si discusse se proibire ai minori di diciotto anni il “Tito Andronico” che la compagnia diretta da Aldo Trionfo, con Glauco Mauri, mise in scena per la prima volta in Italia a Verona. Chi avrebbe pensato che, cinquant’anni dopo, una simile precauzione nelle università inglesi sarebbe stata estesa ai maggiorenni?

 

Sull’ultimo numero della rivista American Interest, il sociologo inglese Frank Furedi ha definito l’università in occidente come una gabbia di matti. “Una ricerca del database LexisNexis di giornali in lingua inglese non ha trovato alcun riferimento a ‘studenti vulnerabili’ negli anni Sessanta e Settanta. Durante gli anni Ottanta ci sono stati 13 riferimenti. Durante l’anno 2015-16 ci sono stati 1.407 riferimenti. Al di fuori degli ospedali, l’università è diventata probabilmente l’istituzione più medicalizzata della cultura occidentale”. Lo studente ora è un paziente psichiatrico.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Marite

    31 Ottobre 2017 - 09:09

    Che scemenze. Che si discuta di queste cose all’università è segno della decadenza dei tempi. Ma se fossero stati tutti “politicamente corretti” il 90% dell’arte non esisterebbe. Ve l’immaginate Paride che non può dare la mela alla più bella, altrimenti le altre Si offendono? Puro nonsense.

    Report

    Rispondi

  • Mercurio 8

    Mercurio 8

    27 Ottobre 2017 - 18:06

    Shakespeare sessista? Ben poca cosa, se paragonato con Omero, e tutta la mitologia greca. Ma sessista è un termine troppo blando. Invece di fare elenchi di proscrizione, non sarebbe più utile CAPIRE l’origine di sessismo, misoginia, stupro, femminicidio? Sono comportamenti incoraggiati dalla nostra cultura più alta, quella del subconscio che si esprime nei miti. Per esempio, Ulisse era un violentatore ed Ercole un femminicida: lo spiega un racconto di viaggio basato su una scoperta archeologica recente eppure evidente. Purtroppo, l’Accademia è incapace di rivisitare i miti, perché è profondamente “sessista”, e perché non ha capito che “la mitologia racconta fatti mai successi ma che succedono ogni giorno, ovunque”. Per convincersene, basta leggere un testo socialmente utile e divertente: “Nostra Signora Dea & Il Femminicidio degli Eroi”. Si scarica gratuitamente da un sito accademico di San Francisco

    Report

    Rispondi

  • luigi.desa

    27 Ottobre 2017 - 12:12

    Sono arrivato alla laurea intramezzato da varie bocciature per vario assenteismo cronico ( per combattere la noia andavo in biblioteca) e se faccio il conto di quanto tempo ho passato come studente ho certo la maglia nera,però so tutto su lo studentismo. Sono tutti coglioni gli studenti a partire dal ginnasio. Gli universitari sono le più stolide menti possibili ( gli studenti della facoltà di fisica che dileggiano Benedetto XVI) . Poi evolvono maturano divengono normali.L'Evento epocale dell'imbecillismo cronico fu il 68 immarcescibile e futuribile a moto perpetuo . Oggi nelle università americane e inglesi (by Il Foglio) il sessantottismo si perpetua virus incontrastato e il busillis è purtroppo da studenti imbecilli divengono poi politici dirigenti metri a penzà .Certo sono a volte raffinati nel loro eloquio ma a far un esame filologico delle loro pensate c'è solo da mandarli a Guatanamo.lds

    Report

    Rispondi

  • mauro

    27 Ottobre 2017 - 10:10

    Il rifiuto del "canone occidentale" in quanto sessista razzista e corrotto, non andrebbe preso sottogamba come fanno le élites di governo nei paesi anglosassoni e tra poco europei continentali . Intanto andrebbe chiarito con quale canone s'intende sostituire il canone rifiutato, copiando Rajoi, e subito mettere in atto, inventandolo, una sorta di articolo come quello spagnolo che imponga che il nostro passato canone va lasciato in pace in nome della libertà di quelli che lo riconoscono. Non fare questo aggiunge una responsabilità tremenda sulle spalle di chi ne ha già tante e negative, e ne dimostra l'incapacità. Nessuno escluso.

    Report

    Rispondi

Servizi