cerca

Gli scontri a Genova e la vittoria elettorale di Modi

Tutto quello che è successo mercoledì in Italia e nel mondo senza fronzoli e divagazioni

23 Maggio 2019 alle 21:45

Gli scontri a Genova e la vittoria elettorale di Modi

In Italia

Salvini fa marcia indietro sull’abolizione dell’abuso di ufficio. “Voglio cancellare il reato”, aveva detto il vicepremier della Lega intervenendo a “Radio anch’io”. Poi ha precisato: “La legge va rivista”. “Togliendo un reato non sistemi le cose”, ha risposto il vicepremier del Movimento cinque stelle, Luigi Di Maio. E poi: “Bene il dietrofront”.

 


 

I vertici dello stato commemorano Falcone. “Dobbiamo fare terra bruciata alla mafia”, ha detto il premier, Giuseppe Conte, in visita a Palermo con il capo dello stato, Sergio Mattarella, per il ventisettesimo anniversario della strage di Capaci.

 


 

Scontri tra polizia e manifestanti a Genova: cercavano di forzare un blocco per contestare un comizio di CasaPound. Tre dimostranti e due carabinieri feriti.

 


 

Borsa di Milano. Differenziale Btp-Bund -2,12 per cento. Ftse-Mib a 275 punti. L’euro chiude in ribasso a 1,11 sul dollaro. 


  

Nel mondo

Narendra Modi ha vinto le elezioni in India. Il primo ministro uscente è stato riconfermato e la coalizione conservatrice da lui guidata, Alleanza nazionale democratica, ha aumentato i seggi in Parlamento e dovrebbe ottenerne oltre 300 su 542.

 


  

Nuovi aiuti per gli agricoltori americani. L’Amministrazione Trump ha annunciato che per compensare le perdite della guerra commerciale con la Cina, saranno destinati 16 miliardi di dollari agli agricoltori.

Panasonic ha detto che bloccherà soltanto le forniture a Huawei interessate dalle limitazioni imposte dagli Stati Uniti.

 


 

E’ stato rilasciato John Walker Lindh, l’americano arrestato nel 2001 in Afghanistan, dove combatteva con i talebani.

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi