cerca

In Venezuela i militari sparano sui civili. Morti e feriti al confine con il Brasile

Tutto quello che è successo in Italia e nel mondo senza fronzoli e divagazioni 

22 Febbraio 2019 alle 22:07

In Venezuela i militari sparano sui civili. Morti e feriti al confine con il Brasile

Soldati brasiliani scaricano aiuti umanitari per il Venezuela in un aeroporto brasiliano vicino al confine che Maduro ha ordinato di chiudere. Foto LaPresse

DALL'ITALIA

   

Tria chiede di cambiare le regole europee. “Il Fiscal Compact non funziona quando l’economia rallenta”, ha detto il ministro dell’Economia all’Università Tor Vergata: “Con i tecnicismi non si ricostruisce la fiducia”. “Uscire dall’Ue o dall’Euro non rende un paese più sovrano”, ha detto il presidente della Banca centrale europea, Mario Draghi, all’Università di Bologna.


Renzi si difende dalle accuse. “Sono fiero dei miei genitori”, ha detto l’ex premier a Torino: “Noi siamo quelli che non mollano mai”.


Il maestro di Foligno ha chiesto scusa. “E’ stata un’attività per l’integrazione”, ha detto l’insegnante che aveva deriso un bambino nero in classe. I genitori dell’alunno: “Non è giusto fare un esperimento sui miei figli”.


Borsa di Milano. FtseMib +0,26 per cento. Differenziale Btp-Bund a 275 punti. L’euro chiude in rialzo a 1,13 sul dollaro.

   

DAL MONDO

    

I soldati venezuelani hanno sparato sui civili che volevano tenere aperto il confine al sud del paese con il Brasile per permettere l’ingresso degli aiuti umanitari. Due persone sono morte e ci sono almeno 12 feriti. Giovedì Nicolás Maduro aveva annunciato la sua decisione di chiudere la frontiera. Juan Guaidò ha emesso un decreto per autorizzare l’ingresso degli aiuti.


I democratici vogliono bloccare Trump e il suo piano di costruire il muro al confine con il Messico dopo aver dichiarato l’emergenza nazionale per assicurarsi i fondi necessari. Gli Stati Uniti lasceranno in Siria 200 soldati dopo il ritiro dal paese. Lo ha annunciato la Casa Bianca.


Ian Austin ha lasciato il Labour, è il nono deputato laburista che lascia il Partito in polemica con il leader Jeremy Corbyn.


R. Kelly è stato accusato di “reati sessuali”. Il cantante e produttore R&B è atteso in tribunale l’8 marzo. Contro di lui ci sono 10 capi di accusa.

 

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • fiorevalter

    23 Febbraio 2019 - 01:01

    "I soldati venezuelani hanno sparato sui civili " ....ma il golpista non era Guaido'? ...secondo dibba', di maio e conte col rispettoso assenso di moavero?

    Report

    Rispondi

Servizi