cerca

Voglia di scandalo

Una ragazza morta, i “capocottari”, le post verità anni Cinquanta: era il caso Montesi. Ora in libreria le lettere a un innocente in carcere

29 Ottobre 2018 alle 13:00

Voglia di scandalo

Anna Maria Moneta Caglio fu la principale testimone d’accusa contro Piero Piccioni, cui erano destinate le lettere del fratello Leone, ora pubbiicate da Polistampa

"E cominciarono a chiamarci capocottari". Nel suo studio di piazza San Lorenzo in Lucina, il divo Giulio evocava la nomea a suo tempo attribuita ai democristiani di rango. L’aveva tirata fuori con un autobiografico sarcasmo. Capocottari, genia di frequentatori i festini nella tenuta di Capocotta dalle parti di Castel Porziano… personaggi della nobiltà romana e rampolli di politici della giovane Repubblica italiana.    Occupò per mesi le pagine dei giornali, le aule dei tribunali, le chiacchiere del paese. Uno dei...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Giuseppe Marcenaro

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi