cerca

Casta, treni e desideri

Toninelli a Pioltello ne ha detto una giusta. Ma poi s'è beccato un pendolare incazzato che di mobilità insostenibile ne sa più di lui 

25 Gennaio 2019 alle 21:26

Casta, treni e desideri

Foto LaPresse

Per una volta che il ministro delle tensostrutture Toninelli ne dice una giusta. Mah. Oggi era a Pioltello, Milano, a commemorare le vittime del treno regionale deragliato un anno fa, e ha detto: “Mi avrebbe fatto molto piacere vedere Matteo Salvini qui con me a ricordare tre morti di stato”. Del resto, se i treni di Trenord sono messi come son messi, male, molta della colpa sta in capo alla Lega che per lungo tempo li ha mal gestiti. Ma Salvini non c’era, nella sua Milano, a un passo da casa. Per una volta Toninelli ne ha detta una giusta, non fosse che se oggi i treni delle Nord stanno ancora come son messi, sempre male, è colpa del suo governo e dei suoi pasticci sulle infrastrutture. Così s’è beccato un pendolare incazzato, e che di mobilità insostenibile ne sa molto più di lui, che gli ha sparato sul muso: “La pianti di dire stupidate!” e gli ha rinfacciato pure lo stipendio che prende. E già, il governo dei citoyen dovrebbe viaggiarci, sui treni pendolari. Ma il fatto è che non gli piace più, a loro, alla nuova casta. La sua compagna di scampagnate Carla Ruocco, che un tempo pretendeva di essere chiamata “portavoce” del popolo, ora si è fatta beccare a far chiedere, dal suo portavoce, se a un tal convegno “per la presidente On. Carla Ruocco è stato riservato un posto tra le autorità”. Autorità de che, poi? Ma soprattutto: il convegno era sulla memoria della Shoah, quella faccenda in cui, secondo il suo amichetto Lannutti, i Savi di Sion viaggiavano in business class. Che vergogna. Dovrebbero viaggiare in terza classe, questi traditori del popolo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi