Come ha preso Gigio Calabresi il colpo di testa di CDB

Come nelle squadre che vanno male, non si capisce mai se è l’allenatore che non comanda, o la proprietà che è debole

Maurizio Crippa

Email:

crippa@ilfoglio.it

5 Dicembre 2017 alle 06:10

Come ha preso Gigio Calabresi il colpo di testa di CDB

Mario Calabresi (foto LaPresse)

Boh. Forse è proprio ora di chiuderle: le curve zeppe d’odio dei tifosi, ma anche le redazioni che ormai sono posti che ci si mena di più che manco negli spogliatoi della Juve. Non noi, eh, che qui al Foglio ci si vuole bene come a un Family day e se arrivasse un’intervista, putacaso sul Fatto, della Signora Veronica, ex editore, e dicesse del nostro Giuliano che per vanità vuole riconquistare la scena, la prenderemmo per quel che è: una fake. Ma immaginate come la può prendere Gigio Calabresi, sì insomma Mario Donnarumma. Non ci crederemmo lo stesso, noi che siamo una famiglia, che l’abbia presa male, come qualche informato dice. Che abbia sbottato nello spogliatoio: ma che è? Nel momento in cui ci facciamo tutti un culo così per rifare questa grafica (“bellissima, elegante, pulita, innovativa”, cit. CDB). Nel momento in cui ho accettato di avere accanto in panca Guardiola Cerno, il Gattuso elegante, come si fa ad attaccare il Fondatore? Come si fa a dare spettacolo su un giornale concorrente? Ma la Mondardini che dice? Che dicono i figli? Perché lui ci crede, al gioco di squadra. Ma come nelle squadre che vanno male, non si capisce mai se è l’allenatore che non comanda, o la proprietà che è debole. E insomma, sono lì a farsi tutti un culo così, per riempire la nuova grafica di vecchi contenuti. E alla fine, proprio al 95esimo, proprio quando sembra fatta, arriva sto cazzo di portiere dell’Under 84, e ti accorgi all’ultimo che gioca per l’altra squadra, e ti fa un tuffo di testa come un fuori di testa. E zac, ti infila un gol.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi