La vergogna del Papa

Francesco scrive ai vescovi cileni dopo lo scandalo pedofilia. “Ho commesso gravi errori, ero male informato”

11 Aprile 2018 alle 21:14

La vergogna del Papa

Papa Francesco (foto LaPresse)

Roma. E’ lunga sei cartelle la lettera che il Papa ha inviato ai vescovi cileni a commento della missione speciale di mons. Charles Scicluna, inviato nei mesi scorsi in America latina per raccogliere le testimonianze delle vittime di abusi praticati dai presuli legati a padre Fernando Karadima, sacerdote condannato nel 2011 dalla congregazione per la Dottrina della fede a ritirarsi in solitudine e preghiera per il resto dei suoi giorni. Francesco spiega di aver letto le migliaia di carte prodotte...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Carletto48

    12 Aprile 2018 - 11:11

    L'uomo quando parla troppo, facilmente cade in discorsi per cui dopo si deve pentire, anche se è il vescovo di Roma.

    Report

    Rispondi

  • mtferrari

    12 Aprile 2018 - 08:08

    questo pensiero è spesso, purtroppo, detto "io ho ripetuto quello che sapevo, che credevo di sapere"... Nella chiesa cattolica un potere senza limite è dato a l'uomo prete la confessione con l'assoluzione. Tramite quell'atto prendono possesso del corpo e della mente di chi si apre con l'innocenza della gioventù.

    Report

    Rispondi

Servizi