cerca

Il ritorno delle newsletter, ancora

Sempre più testate puntano sulle newsletter per fidelizzare i lettori e non farli perdere nel flusso ininterrotto di tweet e status e foto e news.

15 Ottobre 2014 alle 13:02

Il ritorno delle newsletter, ancora

Sempre più testate puntano sulle newsletter per fidelizzare i lettori e non farli perdere nel flusso ininterrotto di tweet e status e foto e news.

 

L'ultima è Vox, giovane sito molto seguito dai millennial à la page. L'idea, che funziona, è dare al mattino presto (quando ancora non ci si è immersi nel flusso) un punto fermo da cui e con cui cominciare la giornata. Lo strumento usato, l'email, era dato per morto anni fa, mentre sta vivendo un momento di grande revival.

 

Comprensibile, come vi avevo già raccontato qualche settimana fa, dato che permette a chi legge di non rincorrere le notizie con l'ansia di perderle, ma dà la sicurezza di ritrovarle sempre in tasca e per di più selezionate dalla testata di cui ci fidiamo. In Italia, come sempre, il fenomeno è un po' in ritardo.

 

Il Foglio ne ha ben due, una per gli abbonati che alle 6 del mattino recapita la copia in pdf del giornale, e una gratuita, con i link agli articoli più importanti, i titoli dell'edizione cartacea e una vignetta di Vincino.

 

In pieno conflitto d'interessi, poi, vi segnalo questo esperimento di newsletter mattutina di cui faccio parte, Good Morning Italia. Buttateci un occhio. Ma prima registratevi alla newsletter del Foglio.

Piero Vietti

Piero Vietti

Nato a Torino nel 1981. Caporedattore, ha seguito e segue lo sviluppo digitale del Foglio, in cui lavora dal 2007. Ha un passato teatrale e radiofonico e un presente intenso. Per il futuro si sta organizzando con la necessaria ironia. Sposato, ha tre figli. Cuore granata.

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi