cerca

Ilaria Alpi, 25 anni dopo

A un quarto di secolo dal delitto della giornalista e dell’operatore Miran Hrovatin servirebbe un approfondimento, giornalisticamente sempre possibile, su tutta la missione militare italiana in Somalia

14 Marzo 2019 alle 06:00

Ilaria Alpi, 25 anni dopo

Ilaria Alpi

Oggi alla sala stampa della Camera dei deputati il sindacato dei giornalisti e il parlamentare del Pd Walter Verini hanno promosso una conferenza stampa nel venticinquesimo anniversario dell’uccisione dell’inviata del Tg3 Ilaria Alpi e dell’operatore Miran Hrovatin, avvenute a Mogadiscio. La vicenda, dopo un quarto di secolo, resta ancora aperta da un punto di vista giudiziario anche se la procura di Roma ha avanzato una richiesta di archiviazione sulle ultimi indagini ancora aperte per arrivare a trovare i colpevoli dopo che un processo, dopo molte traversie, non c’era riuscito. La parte civile, sostenuta dagli organismi rappresentativi dei giornalisti, si oppone all’istanza della procura, sollevando una questione di costituzionalità relativa al diritto degli organismi di sicurezza, i “servizi”, di mantenere il segreto sulle proprie fonti. Un informatore dell’allora Sisde collegò il delitto al traffico internazionale dei rifiuti. Lo spunto investigativo fu raccolto, senza particolari esiti, ma non è mai stato possibile sentire nel processo quella fonte rimasta anonima. Il tema giuridico non è nuovo e resta controverso. Il caso di Ilaria Alpi meriterebbe però, oltre beninteso ogni iniziativa ritenuta utile dalle parti civili, un approfondimento giornalisticamente sempre possibile su tutta la missione militare italiana in Somalia alla fine della quale fu uccisa la giornalista, perché forse uno sguardo d’insieme aiuterebbe a capire almeno dal punto di vista storico il contesto di quel delitto.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • fabriziocelliforli

    14 Marzo 2019 - 20:08

    Probabilmente ci rimase secco, per essere andato là ed essere tornato con colei che sarebbe diventata Sua moglie, il ten.col. dei Carabinieri Fabio Fabbri, legato da un vincolo di parentela (cugino) con mia Madre, che fu la sua tata. Morì il giorno in cui mi laureai, 24 gennaio 1997 dopo essere riuscito a tenere nascosta la sua leucemia fulminante fino all'ultimo; persino all'unico fratello, MEDICO. Il Ten.Col. Fabio Fabbri fu il caposcorta di Pertini: era colui che lo svegliava e che lo metteva a dormire rimboccandogli le coperte. Non si faceva MAi riprendere ma lo si può vedere nel video di Pertini ai funerali di Berlinguer: alto, falso magro. E' un'ingiustizia che non si sappia nulla dei killer di Alpi e Hrovatin e Vi esorto a NON MOLLARE.. Per quel che riguarda il Cugino di mia Madre..beh..se troverò una stelletta scolpita nel marmo e OVUNQUE la troverò penserò a Lui , vittima..come si dice? ah, sì: di danno collaterale..

    Report

    Rispondi

Servizi