cerca

Il Comune di Vittuone è l'inizio della fine del M5s

Il piccolo centro del milanese assiste sgomento alla scomparsa del movimento. E le dinamiche della sua estinzione non sono un caso isolato

12 Settembre 2019 alle 15:12

Il Comune di Vittuone è l'inizio della fine del M5s

foto LaPresse

Il Movimento 5 stelle si è estinto. Non ovunque, per ora, ma a Vittuone, piccolo centro del milanese, e chi ben comincia è a metà dell’opera. A seguito del varo del Conte bis, in disaccordo con la scelta di comporre un governo col Pd, non solo si è dimessa l’intera rappresentanza in Consiglio comunale (una persona) ma addirittura tutti i restanti attivisti locali (nove) hanno comunicato la propria uscita dal Movimento, che resta così una scatola vuota. Sopravvive per ora un canale YouTube cittadino con due iscritti, ma l’intendenza seguirà.

  

Il dettaglio significativo è tuttavia il modo in cui sono state presentate le dimissioni: una lettera indirizzata all’attenzione di Beppe Grillo e di Gianroberto Casaleggio, ossia a un sedicente profeta elevato e a un uomo che purtroppo è deceduto. Il nucleo ideologico del Movimento – cui gli ex attivisti vittuonesi hanno fatto riferimento insistendo sui termini di fede e libertà – si colloca infatti in un orizzonte, più che utopistico, fortemente metafisico. Rivolgere un’istanza a persone che si trovano in un altrove (l’elevazione o la morte), allo scopo di contrastare i banali eventi concreti della politichetta terrena, indica quale sarà la strada del dissolvimento dei Cinque stelle anche oltre i confini di Vittuone: non le polemiche sulle alleanze, non l’esplosione della piattaforma Rousseau, non la conclamata incapacità amministrativa ma la scoperta che, nonostante l’impegno di attivisti ed elettori, la realtà continua a esistere imperterrita.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • luigi.desa

    14 Settembre 2019 - 16:04

    Chissà se i grillini nati su un palcoscenico di teatro maieuta un guitto di successo sono consapevoli della loro effimera esistenza .O forse sì ecco il loro disperato attivismo per sopravvivere.

    Report

    Rispondi

  • lupimor@gmail.com

    lupimor

    13 Settembre 2019 - 17:05

    Appunto, piccolo centro del milanese. A Roma non se ne va nessuno. I cacciati tifano per il bisconte.

    Report

    Rispondi

  • guido.valota

    12 Settembre 2019 - 17:05

    Nessun dissolvimento, oltre i confini di Vittuone ed entro quelli di Roma il grillino non ha alcuna intenzione di estinguersi, e non risponde al de cuius ma al Caro Erede avendo capito che la realtà esiste imperterrita da quando la crisi di governo ha messo a rischio il proseguimento del mutuo col Banco di Napoli. Casomai non bastassero i contrordine compagni dei no Tav più duri e più puri, degli amichetti dei gilet gialli, per non parlare di quelli che il partito di Bibbiano.

    Report

    Rispondi

Servizi