cerca

La cultura del sospetto e la Maturità modello Mike Bongiorno

L'Italia è un paese ormai ossessionato dal timore dei favoritismi. Ma la triste verità, che sarebbe il caso gli studenti imparassero, è che agli insegnanti loro stanno per lo più indifferenti

18 Gennaio 2019 alle 17:54

La cultura del sospetto e la Maturità modello Mike Bongiorno

Foto LaPresse

La busta uno, la due o la tre? La trovata di far iniziare gli orali dei prossimi esami di Stato lasciando che ogni candidato sorteggi l’argomento di partenza fra tre buste chiuse ha scatenato ironiche associazioni coi quiz a premi ma è soprattutto uno scimmiottamento della procedura dei concorsi pubblici. È stata scelta per garantire, dicono, maggiore trasparenza e qualcuno ha gioito per questo. Ciò rivela dunque la considerazione in cui l’Italia tiene oramai questi esami e l’insegnamento in genere: presupporre infatti che i diversi esiti con cui si esce dall’esame dipendano da simpatie e favoritismi, da domandine dure o molli in grado di indirizzare il destino, dà credito alle geremiadi autoassolutorie degli studenti, i quali da sempre giustificano un votaccio col fatto che il prof ce l’ha con loro oppure lamentano di avere dato le stesse identiche risposte di un compagno che ha preso un voto più alto. La triste verità, che sarebbe il caso gli studenti imparassero, è che agli insegnanti loro stanno per lo più indifferenti, sono una teoria di facce tutte simili che si avvicendano negli anni accavallandosi come nei sogni confusi; e che, quando sembra loro di aver risposto tanto bene quanto un compagno più bravo, il voto differente non è frutto di scarsa trasparenza ma dell’approssimazione delle loro nozioni, che non li rende in grado di discernere i diversi gradi di qualità. Comprenderlo è un segno decisivo di maturità, per misurare la quale, mi pare, un tempo c’era un colloquio orale senza buste.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • oliolà

    18 Gennaio 2019 - 21:09

    Mi dispiace ma, il vecchio esame di maturità era il più democratico. Parlo del mio della fine degli anni cinquanta del secolo scorso. Con le commissioni esterne e un commissario interno, poveretto, venivano abolite tutte le incrostazioni possibili, accumulatesi in otto,come minimo, anni di ginnasio e liceo. Tutti alla pari e maturi quasi tutti. Però, ripensandoci, fatti salvi i tempi: quasi tutti allora, tutti maturi ora. No, no, queste sono Maturità più democratiche.

    Report

    Rispondi

  • MarcelloR

    18 Gennaio 2019 - 18:06

    Condivido i timori dell'estensore dell'articolo, ma segnalo che egli è caduto, suo malgrado, in un errore grossolano: ha fatto di tutta l'erba (gli insegnanti) un fascio!

    Report

    Rispondi

Servizi