La guerra fra poveri delle università italiane

Come interpretare le classifiche dei migliori atenei del mondo e i disastrosi risultati della ricerca italiana

7 Giugno 2018 alle 12:48

La guerra fra poveri delle università italiane

Più patetiche delle classifiche delle migliori università - ieri ad esempio è stato pubblicato il ranking Quacquarelli-Symonds 2019 - sono solo le reazioni delle università italiane a tali classifiche. Anzitutto si esulta per il numero di atenei italiani fra i primi duecento o trecento o quattrocento al mondo, sottintendendo surrettiziamente che si tratti di un gruppo omogeneo e che quindi essere al centosettantacinquesimo o al duecentoquarantanovesimo o al trecentottantasettesimo posto significhi essere bene o male come la prima (il Mit di Boston), la quinta (Oxford) o anche solo la decima (University College London). Dopo di che si prende il bilancino e si passa a calcolare gli spostamenti infinitesimali, senza considerare che dieci o venti o anche ottanta posizioni in più non contano granché quando l'università italiana meglio piazzata è al centocinquantaseiesimo posto al mondo. E' una guerra fra poveri. Ed è una guerra fra timidi, poiché a ogni graduatoria sogno un rettore in grado di commentarla così: "O si dà credito a queste classifiche, e allora le università italiane sono da chiudere per manifesta inferiorità visto che leggi e leggine ombelicali c'impediscono di svilupparci per competere seriamente a livello di eccellenza. Oppure si dà credito a un'idea di università che veda il mondo accademico come una comunità d'interscambio globale, un'entità sovranazionale le cui varie sedi nel mondo non sono in competizione ma cooperano al sapere; e allora queste classifiche hanno lo stesso valore di quel peculiare tipo di carta che, vi assicuro, viene talvolta utilizzato anche da noi magnifici". Non accade mai.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • carloalberto

    07 Giugno 2018 - 21:09

    ma scusate, lo sapete o no che il mondo universitario italiano è uno dei settori più corrotti (o comunque meno meritocratici) della vita pubblica nazionale? Ancora prendete sul serio quell'accozzaglia di personaggi trasandati pseudostudenti fuoricorso, docenti figli di... loggia o di sezione, rivoluzionari da salotto, eroi delle cause più grottesche come i libretti universitari per transessuali... eccetera eccetera?

    Report

    Rispondi

Servizi